Il Codacons chiede che per il 2013 non sia aumentato il canone Rai e ritiene “inaccettabile” indicizzarlo “a fronte di un mancata indicizzazione delle pensioni e degli stipendi dei dipendenti pubblici”.

A motivo della richiesta, il Codacons mette anche la chiusura delle serie tv e la trasmissione di repliche “che di solito venivano propinate in agosto”. “Se, infine, consideriamo che tutti i ‘nuovi’ canali digitali di Rai e Mediaset, da Rai premium a La 5 – conclude il Codacons – hanno sempre trasmesso esclusivamente repliche 24 ore su 24, il quadro diventa sconfortante”.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.