La Lega Nazionale Professionisti Serie A ha annunciato che i diritti televisivi 2012-2015 sono stati assegnati a Sky per quanto riguarda il satellite e a Rti per il digitale terrestre. “La Lega Nazionale Professionisti Serie A comunica, in esito alle offerte ricevute entro le ore 12.00 del 16.9.2011 e ai sensi di quanto previsto dall’invito a presentare offerte pubblicato in data 6.9.2011, di aver assegnato: a Sky Italia per le stagioni sportive 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 il ‘Pacchetto 1’ avente ad oggetto i diritti audiovisivi da esercitarsi in forma esclusiva sulla piattaforma televisiva satellite a pagamento in ambito nazionale come da allegato 1 dell’invito a presentare offerte pubblicato in data 6.9.2011; a RTI Reti Televisive Italiane per le stagioni sportive 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 il ‘Pacchetto 3’ avente ad oggetto i diritti audiovisivi da esercitarsi in forma esclusiva sulla piattaforma televisiva digitale terrestre a pagamento in ambito nazionale come da allegato 3 dell’invito a presentare offerte pubblicato in data 6.9.2011”.

Sky ha garantito per il ‘Pacchetto 1′ il minimo richiesto dal bando: 558 milioni di euro per il 2012/13, 561 milioni per il 2013/14 e 564 milioni per il 2014/15. Mentre Rti, Reti Televisive italiane, che si e’ aggiudicato il ‘pacchetto 3′, si e’ impegnata a versare il prezzo minimo di 259 milioni per la prima stagione, 268 milioni per la seconda e di 277 milioni di euro per la terza. Restano fuori sul digitale terrestre le 8 squadre ex Dahlia su cui ora la Lega deve decidere cosa fare.

La Lega calcio di Serie A incassera’ in tre anni 2 miliardi e 487milioni di euro per i 20 club della massima serie con un incremento medio annuo di 37 milioni. Sky, che si e’ aggiudicata i diritti tv per il satellite nel triennio 2012-2015 versera’ 1 miliardo e 683 milioni, mentre Rti che ha ottenuto i diritti per il digitale terrestre per lo stesso triennio, 804 milioni di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.