NUOVI problemi al digitale terrestre. In provincia di Rimini tornano a comparire zone d’ombra, da Viserba a Miramare. I canali Mediaset, compresi i pacchetti a pagamento, non compaiono da giorni sulle tv di decine di residenti. E tra la popolazione si scatena la ‘rivoluzione’. La colpa è dello switch off delle Marche, dicono gli antennisti, che è partito lo scorso 5 dicembre. Purtroppo con l’accensione del ripetitore di Monte San Paolo a Mercatino Conca, le frequenze del digitale si vanno a scontrare con quelle dei ripetitori di Montescudo e del monte Pincio in Valmarecchia. «Abbiamo avuto almeno una ventina di chiamate negli ultimi 10 giorni – dice Marco Gnesi – perchè dalla zona di Covignano e da Rimini Nord la situazione è decisamente peggiorata da quando anche le Marche stanno passando al digitale».

Da Viserba, l’abbonato a Premium, Giacomo Brugnani ribatte: «La situazione è decisamente al limite. Dalla mia tv non riesco più a vedere Canale 5, Rete 4 e Italia Uno da quasi due settimane. Con alcuni vicini ho provato a risintonizzare i nostri decoder, ma ora non vediamo proprio nulla. Come farò ora a vedere le partite? Ho chiamato il numero verde della pay-tv e mi hanno riferito di girare e alzare l’antenna, ma poi non riuscirò più a vedere gli altri canali». Secondo l’antennista Luca Pedrelli, non ci sono soluzioni definitive al momento: «Bisogna aspettare l’assestamento delle frequenze, almeno fino a gennaio. Il segnale c’è, ma è di scarsa qualità. Ho registrato anche io decine di lamentele a Viserba, Miramare e in via Flaminia. Anche con antenne nuove e decoder ottimali, il problema persiste. Stiamo intervenendo a regolare i segnali. In alcune case siamo passati già tre volte». Dalla Provincia, arriva la rassegnazione dell’assessore alle telecomunicazioni Mario Galasso: «Siamo completamente impotenti. Le competenze sono tutte ministeriali e nessuno ci ha ancora risposto. Abbiamo tentato di procedere per vie legali, ma glia vvocati ci hanno detto che non potremo ottenere risarcimenti per i cittadini». Da Cna, il reponsabile provinciale impianti, Emiliano Bugli, lancia un appello: «Le pay-tv devono agire in modo sensato: ed aprire un ufficio apposito per conoscere da vicino ogni caso, evitando di far pagare agli abbonati un servizio che non può essere usufruito».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here