Parma: Raid dei ladri in tre ripetitori, interrotte trasmissioni tv

Rimini: il digitale va male, andrà peggio | Digitale terrestre: Dtti.it

antenne-corvignanoRaid in serie contro i ripetitori di emittenti tv e radio situati in zone isolate di montagna. Nella notte ladri, sicuramente professionisti specializzati, hanno rubato apparecchiature elettroniche in tre diverse località della provincia parmense: colle San Genesio a Berceto, Stradirano di Langhirano e Monte Canate a Pellegrino Parmense. Il blitz ha causato non pochi problemi alle emittenti: Teleducato risulta oscurata, mentre Tv Parma non riesce a trasmettere nella zona di Langhirano. A Stradirano sono stati colpite anche le apparecchiature di Mediaset, Videotaro, Rds e Rtl.

I ladri hanno forzato le porte dei cabinati prefabbricati, collocati in alture isolate, e hanno puntato solo apparecchiature non più grandi di un videoregistratore. Di certo sapevano bene che cosa portare via e come, questo fa pensare che si tratti quasi certamente di un furto su commissione. I malviventi erano molto ben attrezzati. A Monte Canate, dove non sono riusciti a forzare la porta, hanno praticato un buco nel muro. Hanno agito rapidamente e indisturbati. In alcuni casi gli impianti erano dotati di sistemi d’allarme che sono scattati, ma essendo collegati a Bologna solo in mattinata ci si è accorti delle incursioni.

Già verso le 9 di mattina i tecnici delle emittenti si sono recati sui luoghi per constatare i danni, insieme ai carabinieri delle stazioni locali. Tv Parma valuta che siano state sottratte apparecchiature a San Genesio e Langhirano per un valore complessivo di 30mila euro. Anche per Teleducato, che si è trovata col segnalecompletamente oscurato, i danni sono ingenti: oltre 50mila euro. Solo nei prossimi giorni gli impianti saranno ripristinati e le trasmissioni torneranno alla normalità.

Vista la peculiarità e l’entità del furto le indagini saranno coordinate dal Nucleo investigativo dei carabinieri. Gli accertamenti sono già scattati. Nelle aree colpite non sono presenti videocamere di sorveglianza, ma qualche residente potrebbe aver notato qualcosa di sospetto nei giorni scorsi. Inoltre, è possibile che il materiale elettronico asportato sia rintracciabile grazie a numeri di serie. Sono molte le domande a cui dare risposta. La prima fra tutte: chi ha interesse a commissionare un furto del genere?



Fonte : la Repubblica

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *