Frequenze Tv, le opzioni sul tavolo dopo stop a beauty contest

Passera: sospensione per 90 giorni del beauty contest | Digitale terrestre: Dtti.it

Il 20 gennaio il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, ha annunciato la sospensione per 90 giorni della procedura del ‘beauty contest’ per l’assegnazione dei diritti d’uso di frequenze televisive per il digitale terrestre derivanti dal cosiddetto “dividendo digitale”, ossia dall’esubero di frequenze ottenute grazie al passaggio dalla tecnica analogica a quella digitale.

I partecipanti alla gara sono stati invitati a far pervenire le loro osservazioni entro sessanta giorni.

Il governo ha spiegato di aver messo in discussione la modalità di assegnazione gratuita delle frequenze – “bene scarso e pubblico” secondo la definizione di Monti – assunta dal precedente esecutivo alla luce della crisi economica che sta attraversando l’Italia e dei pesanti sacrifici chiesti ai cittadini per riequilibrare i conti pubblici.

Cosa farà ora il governo è tutto da capire. La strada appare stretta, principalmente per una questione di equilibri politici: il beauty contest, voluto dal governo di Silvio Berlusconi (proprietario di Mediaset ) era stato aspramente criticato dall’opposizione perchè ritenuto “un regalo” agli operatori dominanti, Biscione in primis. Oggi Pd e Pdl si trovano sullo stesso fronte a sostegno di Mario Monti, che non a caso ha recentemente parlato di “maggioranza evanescente”.

Due i punti fermi che il governo non potrà ignorare: l’impegno assunto davanti ai cittadini a non concedere un bene pubblico gratuitamente e la necessità di rispettare i requisiti di pluralismo e trasparenza pretesi dall’Europa.



Fonte : Reuters

Ti potrebbe interessare:

4 thoughts on “Frequenze Tv, le opzioni sul tavolo dopo stop a beauty contest

  1. Comunque, per commentare l’articolo in questione devo dire che non aggiunge niente di nuovo a quelle che sono state le stesse motivazioni che hanno portato alla sospensione del beauty per i famosi 3 mesi. Si introduce forse l’idea (che si sta facendo strada da tempo) di poter fare cassa con un’asta che coinvolga gli operatori di telefonia anche per le frequenze del beauty togliendo risorse alla televisione e limitando così le possibilità di ampliare l’offerta stessa magari con l’introduzione di nuovi editori e l’ampliamento della concorrenza ferma a mediaset-rai o poco più. Mi piace molto di più invece l’idea di tagliare fuori dall’asta gli operatori già presenti, sopratutto i citati, ma questa è l’opzione definita più improbabile, purtroppo.

    1. Per leggere l’articolo per intero (fonte reuters) devi andare su digital sat, lì l’hanno incollato senza perdersi la seconda parte.

      1. In realtà per rispetto del copyright è possibile vedere il testo completo sul sito di Reuters linkato in fondo alla notizia che purtroppo al momento ha problemi di visualizzazione e ne impedisce la lettura completa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *