La Rai apre un tavolo collettivo: European Club Channels

Alla Rai il premio per l'innovazione di Confindustria | Digitale terrestre: Dtti.it

Rai logoRai, nel corso degli Screenings di Firenze, ha incontrato oggi le principali realtà televisive legate alle più importanti società di calcio italiane (Juventus, Milan, Inter, Lazio, Fiorentina, Roma ) e di tutta Europa (Arsenal, Liverpool, Manchester United, Fenerbahce, Bayern Monaco fra gli altri). L`obiettivo è quello di cercare una nuova rete di collaborazione tra tutte le diverse realtà nel tentativo di cogliere al meglio la richiesta della sterminata platea degli appassionati del calcio. La Rai, che per prima oltre 10 anni fa, intuì le grandi possibilità di sviluppo dei canali monotematici, in particolare quelli legati allo sport, e che oggi si propone come Broadcaster di alcune realtà italiane, ha aperto un tavolo di discussione proponendosi come mediatrice delle differenti situazioni anche culturali che sono alla base dei canali monotematici.

Di enorme interesse la relazione d`apertura di Stefano Bozzi, direttore dei programmi di MUTV, il canale del Manchester United. Prima società al mondo nel 1998 ad intuire la necessità di un maggior collegamento con la sterminata platea dei suoi tifosi sparsi in tutto il pianeta, ManUtd è oggi nel settore la principale realtà. Si calcola che abbia circa 600milioni di potenziali utenti in tutto il mondo, 90 nella sola Europa, forte di un brand che rivaleggia con i New York Yankees del Baseball e gli All Blacks Neozelandesi del rugby, in testa alla classifica della popolarità globale. Molto più identitaria la proposta del Liverpool, altra grande squadra britannica e persino più spinta dal punto di vista della multimedialità quella del Bayern Monaco.

Molto interessante anche l`offerta di Gutto.Biz service turco supportato dalla tecnologia italiana di WyScout tesa a fornire il maggior numero di informazioni tecnico tattiche in tempo reale sia alla società di calcio che agli utenti televisivi. La Rai ha lanciato immediatamente alcuni tavoli di discussione tra le varie società dai quali trarre spunti di sviluppo sia per i singoli canali che per un broadcasting collettivo.



Fonte : TMNews

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *