Negli Stati Uniti si sta assistendo a una piccola rivoluzione nella distribuzione di contenuti della TV “via cavo”, l’equivalente della nostra televisione a pagamento via satellite o digitale terrestre o, recentemente, le pay-tv dei set-top box degli operatori telefonici, che ha iniziato una piccola “battaglia” sull’App Store dedicato all’iPad con il proliferarsi di applicazioni dedicate alla gestione e la visualizzazione dei contenuti degli abbonati ai servizi a pagamento.

A inaugurare per prima questa nuova ondata è stata Time Warner con la sua applicazione TWCable, che consentiva di accedere dal proprio iPad in Wi-Fi comodamente seduto in casa propria buona parte del bouquet di canali del proprio abbonamento. L’intraprendenza di Time Warner, che a quanto pare non aveva avvisato tutti i suoi partner, l’ha costretta a un piccolo passo indietro che ha portato prima alla diminuzione del numero di canali offerti e al successivo ampliamento tramite l’innesto di nuovi servizi. In pratica è come possedere una piccola TV da 9,7 pollici da trasportare in giro per casa per gustare i canali preferiti.



Fonte : MacWorld

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.