“Come Gruppo di opposizione in seno al Comune di Molini di Triora, volevamo portare a conoscenza la popolazione dell’Alta Valle Argentina, e più precisamente quelli di Molini di Triora e Triora, che dal fatidico SWITCH OFF, che avverrà martedì 11 ottobre, ovvero il passaggio al digitale terrestre per la ricezione dei canali televisivi, non potranno più vedere la televisione in quanto nelle aree in argomento il segnale analogico viene irradiato grazie alle postazioni della ormai soppressa Comunità Montana, e purtroppo ad oggi, e quanto pare anche in futuro, queste postazioni verranno dismesse e quindi su tutto il territorio calerà il buio, cosa che già ormai da circa tre mesi avviene per il segnale di RAI 2, fatta eccezione per quanto concerne le emittenti private nazionale come MEDIAST E LA 7 che a differenza della TV di Stato “RAI”, alla quale tutti noi versiamo il CANONE, hanno deciso di investire per poter irradiare il segnale di nuova generazione e riusciranno a garantire la copertura del territorio, anche grazie al NOSTRO attivo interessamento, sacrificando solo il 3% in meno rispetto al passato”. Lo scrive il capogruppo Antonio Becciu che prosegue:

“La politica della TV di stato purtroppo penalizzerà soprattutto tutto l’entroterra, fonti ufficiali, in occasione dell’incontro avvenuto in provincia, hanno confermato questa linea, trovando la risoluzione al problema con la ricezione satellitare che permette di vedere i canali in chiaro ma aumentando notevolmente i costi in quanto bisognerebbe dotarsi di parabola e decoder sat, ma altro problema attualmente non risolvibile e che tale sistema non permette la visione del TG3 Regionale e pertanto non garantisce l’informazione, diritto sacrosanto di tutti i cittadini. La cosa più vergognosa e che questi problemi sono sempre stati noti a tutti ma purtroppo mai presi seriamente in considerazione da tutte le forze politiche a vari livelli come Provincia e Regione, che si ricordano dell’Entroterra solo ed esclusivamente durante la varie campagne elettorali, promettendo anche l’impossibile, elogiando il NOSTRO territorio in tutto e per tutto, dichiarando che l’entroterra non deve MORIRE, che bisogna salvaguardarlo, incentivare il turismo e far conoscere le meraviglie naturali che il territorio offre, dopo di ché ottenuto quanto richiesto spariscono. Purtroppo piccoli Comuni come quelli dell’entroterra non possono sobbarcarsi tutti gli oneri senza un adeguato contributo che purtroppo non esiste. Gli esponenti Politici Provinciali e Regionali hanno precisato e ribadito più volte che l’unica istituzione competente in materia è il Ministero dello Sviluppo economico dipartimento delle comunicazioni, dicastero peraltro presieduto, dal maggio 2008 al maggio 2010, dal “nostro” Onorevole Claudio Scajola, periodo nel quale si sarebbe potuto fare qualcosa per non rimanere, nel 2011 al BUIO di informazione. Noi non chiediamo il mondo, ci basta che chi ama veramente il FANTASTICO ENTROTERRA, possa guardare, come tutti gli esseri umani la tanto amata TELEVISIONE”.



Fonte : Sanremo News

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.