La Regione Liguria ”boccia il piano frequenze nazionale” in vista del passaggio al digitale terrestreprevisto in autunno. ”Il governo deve assolutamente rimediare al pasticcio che ha prodotto con le procedure di assegnazione delle frequenze televisive per ildigitale terrestre”, affermano in una nota congiunta gli assessori regionali allo Sviluppo Economico, Trasporti e Infrastrutture Renzo Guccinelli, Enrico Vesco e Raffaella Paita.

”Garantendo solo Mediaset e Rai – aggiungono – infatti, si rischia di cancellare decenni di pluralismo e informazione locale che rappresentano un enorme patrimonio di identita’ e cultura in tutto il Paese. La Liguria poi risulta penalizzata per altre due ragioni specifiche: la situazione orografica, che richiede ingenti investimenti per coprire un territorio parcellizzato e difficile, e il possibile rischio di interferenze con i segnali digitali provenienti da Corsica e Francia a causa di una mancata intesa preventiva sulle frequenze”.

Secondo la regione Liguria e’ necessaria ”un’attenzione particolare anche alle televisioni comunitarie che, per le loro precise caratteristiche, peraltro previste dalla legge, oggi rischiamo di essere ingiustamente penalizzate a causa di criteri assolutamente iniqui”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here