Presentato oggi in presso l’Assemblea Legislativa delle Marche il bilancio di quattro anni di intensa attività del Co.Re.Com. Marche Comitato Regionale per le Comunicazioni su più fronti: dalle conciliazioni tra utenti e compagnie telefoniche, dal controllo della par condicio, alla tutela dei minori dei pericoli di internet, alla tutela del pluralismo dell’informazione e all’accompagnamento del sistema televisivo locale nel complesso processo di passaggio dalla tv analogica al digitale terrestre.

Il Presidente dell’Assemblea Legislativa Vittoriano Solazzi ha espresso il plauso per l’intensa attività svolta dal Comitato Regionale per le Comunicazioni in particolare in ambiti complessi e critici come le tutela dei minori e il sostegno all’emittenza locale. Un’intensa attività svolta dal Co. Re.Com. con l’attività formativa rivolta agli adulti , genitori e insegnanti, che con i ragazzi nelle scuole, per accrescere il senso critico nei confronti dell’evoluzione tecnologica dei mass media.

“Con il Comitato- ha sottolineato Solazzi – si è istaurata una sinergia particolarmente efficace nell’affrontare le problematicità del passaggio del sistema televisivo al Digitale Terrestre – ha affermato Solazzi – dove un’occasione di sviluppo e crescita per il sistema informativo, rischia di mettere in pericolo le emittenti televisive marchigiane che costituiscono una ricchezza per territorio. Su questo fronte Consiglio , Giunta Regionale e Co.Re.Com. sono in sintonia per mettere in atto tulle le strategie a difesa dell’emittenza marchigiana e tal proposito abbiamo convocato domani i referenti dell’AGCOM per trattare lo spinoso problema dell’assegnazione delle frequenze per il nostro territorio”.

Il Presidente del Co.Re.Com. Marco Moruzzi ha ricordato come in questi quattro anni il Co.Re.Com. abbia svolto una serie di efficaci servizi a tutela dei cittadini in particolare nel settore delle conciliazioni. Il tentativo di trovare un accordo presso i Corecom per controversie le insorte tra utenti e gestori di telefonia dal 2006 al 2009 sono quasi quintuplicate. “ Quello delle conciliazioni è uno strumento che avvicina la giustizia ai cittadini – ha affermato Moruzzi – grazie alla mediazione del CO. RE.COM. riescono a trovare in breve tempo una soluzione ai tanti contenziosi che nascono con le compagnie telefoniche, in modo agevole e rapido senza spese legali e lungaggini”. “L’evoluzione delle tecnologie digitali è così repentino e continuo che gli adulti, immigranti digitali, spesso non riescono ad adattarsi, tenere il passo e soprattutto ad accompagnare i figli nel processo di crescita. Per questo il Comitato per le Comunicazioni ha dato priorità alla tutela dei minori. Uno dei dati più preoccupanti che emerge dal primo studio realizzato nelle Marche dal Co.Re.Com e dall’Università di Università lo è che più del 50% dei ragazzi under 12 usa il pc e naviga in rete da solo, senza un adulto accanto. Il Comitato svolge un’attività capillare in tutte la Regione per informare e prevenire, dato che la ricerca rileva che oltre il 30% dei ragazzi intervistati, ha incontrato di persona individui conosciuti attraverso la rete e nel 5% dei casi, si trattava di adulti. “

La Dottoressa Paola Santoncini Direttore Generale dell’Assemblea Legislativa delle Marche, nonché Dirigente del CO.Re.COM. ha affermato come sia importante ed efficace per i cittadini la concretezza del lavoro del Comitato anche grazie all’interpretazione non burocratica delle proprie competenze e funzioni.

Fonte: GoMarche

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here