SES sceglie Roma per la European Customer Conference. Oggi la prima giornata

M7 Group sigla un nuovo contratto di capacità sulle posizioni orbitali Astra per il Belgio | Digitale terrestre: Dtti.it

ses-astraSES  incontrerà oggi i propri clienti internazionali nella prestigiosa cornice del Grand Hotel Melià di Roma, in occasione della European Customer Conference annuale. L’evento, strettamente rivolto ai clienti di SES, prevede la presenza di numerosi relatori di rilievo che offriranno importanti spunti sul futuro della televisione e sul ruolo del satellite, alla luce delle nuove convergenze tecnologiche nel mercato televisivo.

La Capitale diventa quindi, per tre giorni, il luogo dove si riunisce il gotha dell’industria mondiale dei media e la scelta di questa sede conferma l’interesse di SES per il nostro Paese e sostiene la strategia intrapresa finora, che ha visto il rafforzamento del team – guidato da Pietro Guerrieri – con nuove figure professionali che avranno il compito di consolidare la presenza di SES in Italia.

“La scelta di Roma e dell’Italia per questo importante evento annuale di SES non è casuale” ha dichiarato Pietro Guerrieri, General Manager di SES ASTRA in Italia. “Il nostro Paese si trova in un delicato momento di transizione, segnato dal passaggio dall’analogico al digitale e scandito dalle scelte che riguardano il beauty contest. Siamo di fronte a grandi cambiamenti, che modificheranno il ruolo della TV: in un mercato dove le sfide poste da Internet e la richiesta pressante di soluzioni HD e Ultra HD, delineano una profonda ristrutturazione dell’intero scenario competitivo e un nuovo ruolo per gli operatori del settore”.

Quale sarà il futuro della TV e che ruolo giocherà il satellite, in Europa e nel mondo? E quali sono gli impatti che una prevedibile evoluzione del settore delle telecomunicazioni avranno sul mercato televisivo? Queste sono solo alcune delle tematiche che SES affronterà con i propri clienti, offrendo la propria vision sui futuri assetti del mercato televisivo e sul ruolo dei broadcaster, per supportare la loro crescita e sostenerli nelle scelte future.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *