Telegenova al collasso, dopo gli stipendi tagliata anche la luce

Telegenova al collasso, dopo gli stipendi tagliata anche la luce | Digitale terrestre: Dtti.it

Da mesi senza stipendio, i giornalisti e gli operatori di Telegenova sono rimasti anche senza luce, con l’ impossibilità di produrre la parte giornalistica dell’ emittente, che anche ieri non è andata in onda. I sindacati denunciano la crisi dell’ emittente e definiscono le difficoltà dei lavoratori parlando di «una situazione inaccettabile». Un documento durissimo firmato da Marcello Zinola, segretario dell’ Associazione Ligure Giornalisti e Gianni Pastorino, segretario Slc-Cgil di Genova, ribadisce il «giudizio negativo» sui nuovi proprietari, subentrati a novembre nel ramo d’ azienda dedicato alla produzione dei programmi, che è stato invece separato dalla rete. In mezzo sono rimasti i 17 dipendenti dell’ emittente, 5 giornalisti e 12 amministrativi e tecnici, con 4 persone in cassa integrazione a zero ore.

I dipendenti non ricevono più lo stipendio da mesi, lavorano in condizioni impossibili, e in ultima denunciano questo episodio: il 6 marzo scorso l’ azienda «ha comunicato la chiusura temporanea della sede causa cambiamento del gestore che fornisce l’ energia elettrica. In altre parole, nella sede di via XX settembre non c’ è energia elettrica, dunque non si può lavorare. La programmazione giornalistica è stata sospesa, mentrei programmi di intrattenimento sono assemblati in altre sedi. Secondo la nota sindacale «la storia di Telegenova oggi è fatta di decreti ingiuntivi per i salari non percepiti, ispezioni da parte degli enti previdenzialie del lavoro, un procedimento giudiziario per comportamento antisindacale, anche il Corecom informato della situazione dell’ emittente».

Il sindacato lancia quindi un appello alle istituzioni e alla politica: «Non vi diciamo non andate a Telegenova, non partecipate a trasmissioni – è l’ invito – ma vi chiediamo di informarvi prima su come le realizzeranno e nel rispetto di quali diritti e doveri».



Fonte : Repubblica

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *