Mancano soltanto otto giorni al fatidico switch off, e cioè al passaggio dell’Umbria dal sistema analogico al digitale terrestre, ma il ministero per lo Sviluppo economico non ha ancora assegnato le frequenze alle televisioni locali e regionali. Lo ricorda l’assessore Stefano Vinti, evidenziando «il rischio che, nonostante gli sforzi e l’impegno della Regione, che peraltro non ha specifiche competenze in materia, si arrivi al 17 novembre, data di inizio dello switch off, senza che le diverse emittenti locali presenti in Umbria abbiano avuto la possibilità di procedere agli adeguamenti tecnici indispensabili per l’avvio del nuovo sistema».

Tutto è bloccato «Se non si assegnano le frequenze – continua Vinti in una nota di Palazzo Donini – tutto è bloccato. Le tv locali non avranno neanche la possibilità di verificare per tempo la copertura del segnale nel territorio e quindi far fronte ad eventuali inconvenienti. E di tempo ce n’è rimasto veramente poco».

C’è preoccupazione Vinti, che ha già sollecitato per lettera il ministero ad attuare una soluzione rapida, si dice «preoccupato per il mancato riscontro e quindi per le conseguenze che un tale ritardo potrà avere sull’informazione locale. Quello che sta succedendo in Toscana, dove, con il passaggio in corso, sono disponibili soltanto 18 frequenze per 56 emittenti, potrebbe diventare un precedente realistico. Bisogna evitare un caos del genere, perchè in questo modo una fetta consistente della popolazione umbra resterebbe esclusa dall’informazione locale. Marginalizzare quell’universo di piccoli e meno piccoli soggetti che garantiscono pluralità, partecipazione e democrazia – conclude Vinti – sarebbe, infatti, una gravissima perdita per tutta la società umbra».

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.