27 Gennaio: La7 avrà una programmazione speciale dedicata al “Giorno della memoria”

27 Gennaio: La7 avrà una programmazione speciale dedicata al "Giorno della memoria" | Digitale terrestre: Dtti.it

In occasione del “Giorno della memoria” le reti di Telecom Italia Media dedicano la giornata al ricordo di tutte le vittime dell’Olocausto.

Si inizia alle 14:00 su LA7 con il film L’Ultimo Treno di Yurek Bogayevicz, che racconta la storia di Romek, un bambino ebreo di 11 anni, che nell’autunno 1943 mentre le truppe d’assalto naziste marciano su Cracovia, Romek, viene nascosto in un sacco di patate e inizia così una straordinaria avventura.

A seguire Io non vi ho dimenticato, il documentario dedicato alla storia di Simon Wiesenthal, tenacemente sopravvissuto all’Olocausto, che con coraggio e determinazione ha sfidato molti governi e ha costretto molti politicanti a perseguire i criminali di guerra. Narrato da Nicole Kidman, il documentario di Richard Trank ricostruisce la sfera pubblica e privata di Wiesenthal, omaggiando il coraggio di quest’uomo.

Dedicato alla giornata anche Otto e mezzo, che vedrà ospiti di Lilli Gruber il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni e la semiologa Valentina Pisanty, autrice del libro “Abusi di memoria”.

In prima serata su LA7 il secondo appuntamento con Le Invasioni Barbariche di Daria Bignardi, che daranno spazio a Marco Paolini per anticipare la serata del 29 gennaio de LA7, con il ritorno in onda di  Ausmerzen – Vite indegne di essere vissute.

Su LA7d alle 21.10, è la volta di Train de Vie, il capolavoro diretto e sceneggiato dal regista franco-rumeno Radu Mihaileanu e vincitore nel 1998 del David di Donatello come miglior film straniero. Una pellicola che affida alla favola il compito di raccontare l’Olocausto, coniugando così dramma, avventura e umorismo tipicamente yiddish. Protagonisti, gli abitanti di uno shtetl dell’Est europeo che nel 1941 organizzeranno una straordinaria messa in scena per sfuggire ai nazisti.

Anche quest’anno il Network LA7 affida al cinema d’autore il compito di ricordare il genocidio di milioni di ebrei, Rom, omossessuali, disabili, malati di mente e dissidenti politici di ogni nazionalità.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *