A MasterChef ospite del’invention test Iginio Massari, re della pasticceria italiana

Al via la marcia di avvicinamento a MasterChef 2 con 3 speciali dedicati ai giudici | Digitale terrestre: Dtti.it

Il numero degli aspiranti chef in gara per il titolo di Masterchef sta diminuendo rapidamente. Due nuovi episodi, in onda in esclusiva su Sky Uno HD giovedì 10 gennaio alle 21.10, per seguire il destino dei 12 concorrenti, che affronteranno sfide sempre più difficili.

I 3 giudici – Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Carlo Cracco – con la prima prova della Mystery Box faranno fare ai concorrenti un salto negli anni ’80: dovranno utilizzare alcuni ingredienti caratteristici dell’epoca, rivisitati in chiave moderna. Nella prova successiva,il vincitore della Mystery avrà un vantaggio ancora più grande del solito. Infatti,ad aiutarlo nell’Invention Test, ci sarà Iginio Massari, una vera e propria autorità nel campo della pasticceria italiana.

I suoi suggerimenti potrebbero fare davvero la differenza sul risultato della prova, rivelandosi strategici. E solo se il vincitore si dimostrerà un vero e proprio stratega nell’utilizzare il proprio vantaggio riuscirà a mettere in difficoltà i suoi compagni d’avventura.

Nel secondo episodio, i concorrenti saranno messi di fronte ad un’altra insidiosa prova in esterna e dovranno cucinare per una clientela davvero molto esigente, in una location esclusiva e sofisticata. A decretare il risultato della prova, saranno infatti dei giudici d’eccezione, persone abituate ad essere coccolate con il meglio del meglio. Fondamentali, oltre all’abilità culinaria, saranno quindi l’attenzione per i dettagli e per la presentazione del piatto.

Per la seconda stagione di MasterChef, un partner d’eccezione affianca in programma per sfruttare le eccedenze alimentari avanzate dalle prove degli aspiranti chef: la Fondazione Banco Alimentare. Le eccedenze vengono recuperate dalla Fondazione e distribuirle gratuitamente ad associazioni ed enti caritativi.

masterchef-2-stagione

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *