Dal primo ottobre alle ore 15 partiranno nella Music Zone di Italia2 una serie di speciali dedicati a singoli artisti o progetti. Il primo è “Superheavy” il supergruppo composto da Mick Jagger, Dave Stewart, Joss Stone, Damian Marley e A.R. Rahman. Insieme per un album ricco di sorprese e contaminazioni.
Mick Jagger si è unito al fondatore degli Eurythmics Dave Stewart, la cantante soul Joss Stone, l’autore premio Oscar e superstar mondiale A.R.Rahman e la star del reggae Damian Marley per sviluppare un nuovo progetto, i SuperHeavy. Questo supergruppo così eterogeneo ed eclettico, che vanta collettivamente ben undici Grammy Award, ha registrato in vari studi sparsi per il mondo, ma gran parte delle tracce del progetto è stata realizzata a inizio anno a Los Angeles, nel giro di tre settimane. L’album sarà presentato a settembre; i brani comprendono, oltre al primo singolo ‘Miracle Worker’, ‘One Day One Night’, ‘Energy’, ‘Unbelievable,’ ‘SuperHeavy,’ I Can’t Take It No More,’ ‘You’re Never Gonna Change’ e ‘I Don’t Mind.’

Stewart definisce i SuperHeavy “l’esperimento di un alchimista pazzo” ed è una descrizione calzante. Unire i talenti di uno dei più grandi front-men di tutti i tempi, di un compositore indiano due volte Premio Oscar, di un prodigio vocale del soul, di una star del reggae premiato con tre Grammy Award e di uno dei produttori più richiesti al mondo può solo portare risultati esplosivi che sfidano qualsiasi classificazione.

I SuperHeavy nascono da un’idea di Jagger e Stewart. I due artisti desideravano individuare il sound di una band formata da musicisti di generi diversi. Jagger spiega: “Dave voleva veramente realizzare un disco con un gruppo eterogeneo di musicisti, in altre parole, con diversi background musicali. Non più solo musicisti rock, o solo musicisti blues o di altro genere: Dave voleva riunire il maggior numero possibile di generi musicali. Gli ho detto che secondo me era una buona idea, ma non pensavo che sarebbe diventata mai realtà”.

Invece Jagger si è ritrovato in studio con Stewart e Joss Stone, con i quali aveva già lavorato per la colonna sonora del film Alfie nel 2004. “Joss Stone è stata una scelta ovvia per noi,” commenta Stewart. ”E’ una cantante talmente incredibile, come voce e come spirito.“ Il team ideale di Stewart e Jagger ha preso ulteriore forma quando hanno deciso, seguendo l’ispirazione, di portare Damian Marley nel gruppo. Continua Stewart, “abbiamo sempre desiderato avere un musicista giamaicano perché sia Mick sia io adoriamo la Giamaica e la sua musica.” Stewart, infatti, ha lavorato con il leggendario Jimmy Cliff mentre Mick ha duettato nel 1978 con Peter Tosh dei Wailers sul brano dei Temptations “Don’t Look Back”.

Il progetto aveva bisogno di un nome. Marley aveva realizzato un riff con il termine “SuperHeavy”, ispirato da Muhammad Ali campione del mondo dei pesi massimi, e questa frase è diventata subito il “tormentone” del gruppo, “E’ stato Mick a suggerire ‘perché non lo chiamiamo SuperHeavy?’, ricorda Stewart, “Ci abbiamo tutti pensato a lungo e poi ci siamo fissati su questa parola”.

Per tutti i collaboratori SuperHeavy è un modo nuovo e spontaneo di lavorare, come spiega Jagger: “Come ho detto a Dave, solitamente [con gli Stones] abbiamo sempre scritto le canzoni prima di entrare in studio, ma le jam session hanno dato ottimi frutti”. Continua Joss Stone, “Fare solo jamming è stato fantastico, in quel modo praticamente creavamo sul momento man mano che andavamo avanti, era facile”

L’album SuperHeavy è co-prodotto da Jagger & Stewart. La Universal Music pubblicherà l’album in tutto il mondo tramite la loro etichetta A& M.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here