Torna “Giardini da incubo” su Cielo, conduce Andrea Lo Cicero

Per gli appassionati di terrazzi e balconi fioriti torna in prima tv in chiaro dal 4 aprile alle 17.15 su Cielo (DTT 26, Sky 126 e TivùSat 19) la seconda stagione di Giardini da Incubo, con un giardiniere d’eccezione: l’ex campione di rugby Andrea Lo Cicero.

L’ex campione della Nazionale Italiana di Rugby, insieme ad un team di professionisti dal pollice verde, aiuterà disperati proprietari di giardini in abbandono, a riportarli all’antico splendore.

Nell’appuntamento quotidiano di Giardini da Incubo – in onda su Cielo dal lunedì al venerdì – anche i proprietari di casa avranno un ruolo fondamentale e non se ne staranno con le mani in mani. Lo Cicero, infatti, li coinvolgerà nell’attività di recupero, svelando loro tutti i segreti per curare fiori e alberi e per mantenerli sempre perfetti. E, alla fine di ogni puntata, scopriremo il risultato del duro lavoro di squadra: in pochi giorni, spazi completamente abbandonati a loro stessi, diventeranno luoghi accoglienti da togliere il fiato.

Per gli appassionati di terrazzi e balconi fioriti torna in prima tv in chiaro dal 4 aprile alle 17.15 su Cielo (DTT 26, Sky 126 e TivùSat 19) la seconda stagione di Giardini da Incubo, con un giardiniere d’eccezione: l’ex campione di rugby Andrea Lo Cicero.

L’ex campione della Nazionale Italiana di Rugby, insieme ad un team di professionisti dal pollice verde, aiuterà disperati proprietari di giardini in abbandono, a riportarli all’antico splendore.

Nell’appuntamento quotidiano di Giardini da Incubo – in onda su Cielo dal lunedì al venerdì – anche i proprietari di casa avranno un ruolo fondamentale e non se ne staranno con le mani in mani. Lo Cicero, infatti, li coinvolgerà nell’attività di recupero, svelando loro tutti i segreti per curare fiori e alberi e per mantenerli sempre perfetti. E, alla fine di ogni puntata, scopriremo il risultato del duro lavoro di squadra: in pochi giorni, spazi completamente abbandonati a loro stessi, diventeranno luoghi accoglienti da togliere il fiato.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *