Domenica cult su TOP Crime, con la prima puntata di “Colombo”

Domenica cult su TOP Crime, con la prima puntata di "Colombo" | Digitale terrestre: Dtti.it

COLOMBO SPIELBERG

Appuntamento imperdibile su “Top Crime” (tasto n° 39 del telecomando), con il trench di Colombo griffato Steven Spielberg: domenica 16 giugno, in prima serata, va in onda la prima puntata di “Colombo”, negli annali dei serial, non solo crime, uno dei momenti più memorabili di sempre.

Innanzitutto l’impermeabile, ma più così lindo, anche se si fa per dire… Quel che più conta però dell’appuntamento con “Colombo” su Top Crime (nella prima puntata della serie vera e propria), è la regia di uno Steven Spielberg alle prime armi, un anno dopo l’esordio tv saltuario dietro la cinepresa dei telefilm “Marcus Welby”, “Mistero in galleria” e “The Psychiatrist” (quest’ultimo inedito in Italia); l’anno di grazia è il 1971, quello di “Duel” al cinema, per intenderci.

A detta degli amanti del genere, un episodio da incorniciare: sicuramente il più popolare e celebrato del serial, che poté vantare star di prima grandezza nei duetti con Falk-Colombo. Oltre agli ideatori Richard Levinson e William Link, l’episodio è firmato da Steven Bochco, successivamente padre dei polizieschi-reality degli Anni ’80 (“Hill Street giorno e notte”) e  ’90 (“NYPD Blue”).

La storia di “Un giallo da manuale” è quella di un sodalizio letterario che finisce col morto. Ken Franklin (Jack Cassidy) uccide nel proprio chalet sul lago il socio scrittore James Farris (Martin Milner), simulando che Martin sia stato “rapito” dalla malavita. Colombo inizia a sospettare che ci sia dell’altro…

Originariamente l’episodio doveva essere il secondo della serie ma, visto l’ottimo risultato, si decise di lanciarlo come puntata d’apertura. In un’intervista rilasciata a Judith Crist, critica cinematografica del “New York Times”, Spielberg ha rivelato di essere riuscito a girare “Duel”, «nonostante gli sforzi, in contemporanea con Colombo».

Il tenente Colombo, per quei pochi che ancora non lo sapessero, è un detective della Sezioni omicidi del dipartimento di polizia di Los Angeles. A bordo del suo “macinino”, una vecchia e sobbalzante automobile con la capotte che fa acqua da tutte le parti, giunge sul luogo del delitto; con l’impermeabile sdrucito e logoro scende dalla vettura e lancia un’occhiata in giro; dopo essersi grattato la testa, dopo che la cenere del sigaro scadente gli è caduta sul trench già malridotto, Colombo, con l’occhio buono che gli rimane, cucina a fuoco lento l’assassino. L’aspetto dimesso, l’approccio impacciato e umile nei confronti dei sospettati, fanno sì che il colpevole cada nell’errore di sottovalutare l’investigatore. In realtà il detective ha già teso la trappola: dopo una serie di domande apparentemente innocue se non stupide, inizia a studiare la personalità di chi ha di fronte, ad indagare su moventi, alibi, orari.

Tutti gli episodi seguono un percorso obbligato e collaudato: all’inizio i telespettatori assistono a un delitto quasi perfetto; poi la tenacia del tenente smonta l’omicidio pezzo per pezzo, per arrivare infine al sospettato numero uno, inchiodato sia dalla minuziosa ricostruzione dei fatti che dall’assillante presenza di Colombo. Ogni puntata diventa così un “duetto”: dopo il sopralluogo di rito l’investigatore inizia un crescendo di botta e risposta con il probabile assassino, fino allo smascheramento finale. Alla fine la vera “vittima” risulta l’assassino.

Ribaltando gli schemi classici del poliziesco, abbattendo il muro del whodunnit (quando il colpevole viene svelato solo alla fine, come in “Ellery Queen”), ogni puntata del serial è un gioco barocco di variazioni sul tema, come disse Omar Calabrese “un ‘exercise de style’ alla Queneau”.

Premiato quattro volte con l’Emmy Award, eletto da “Time” come “sbirro televisivo per eccellenza”, Peter Falk presta il volto ad uno dei poliziotti più leggendari del piccolo schermo. Ma forse non tutti sanno che l’attore venne scelto solo dopo alcune vicissitudini: i creatori della serie, i compagni d’università Richard Levinson e William Link, fecero interpretare la prima puntata – in onda all’interno del “Sunday Mistery Hour” – da Bert Freed, quindi da Thomas Mitchell; all’epoca il protagonista non si chiamava ancora Colombo ma Fisher; quando la Universal mostrò interesse nel soggetto, i due ideatori pensarono a Lee J. Cobb e a Bing Crosby, impossibilitati tuttavia per altri impegni.

Nel 1975 l’attore riuscì a strappare un contratto di 125.000 dollari a puntata. Nel 1990 il tenente Colombo ha allungato le indagini a due ore; Falk è diventato altresì sceneggiatore e regista; la produzione ha scelto una strada vincente: pochi episodi ma buoni.

Nel 1992 l’investigatore ha comprato un nuovo impermeabile in una sequenza da incorniciare. Al tema musicale jazz di Dave Grusin che caratterizza la prima puntata del ’68 si è preferito quello che Billy Goldenberg compose per il secondo episodio. Tra i molti produttori esecutivi che si sono succeduti nelle stagioni, firmano, oltre allo stesso Falk: Richard Levinson, William Link, Dean Hargrove, Roland Kibbee, Richard Alan Simmons, Jon Epstein, Peter S. Fischer.

Nel corso della programmazione ricordiamo qualche indagine memorabile: l’episodio con Ray Milland, che tenta di rimettere in scena un “delitto perfetto” alla Hitchcock; le puntate che vedono protagonisti tre volti assai popolari tra i telespettatori, ovvero William Shatner e Leonard Nimoy di “Star Trek” e Patrick McGoohan de “Il Prigioniero”; quella dove il sospettato ha il volto di Vincent Price o quella dove Falk “duetta” con l’amico John Cassavetes.

Fino ad oggi non sono ancora stati svelati due misteri su Colombo: quale sia il suo nome di battesimo e chi sia quella santa donna di sua moglie. Anche se in America quest’ultima ha preso vita nel 1979 in una serie ad hoc (“Kate Loves a Mystery-Mrs. Columbo”, inedita in Italia) con il volto di Kate Mulgrew: si scopre che la dolce metà del tenente – il quale, di riflesso, viene sempre citato ma non compare mai – è una reporter free-lance del “Weekly Advertiser” con l’hobby del giallo; l’altra rivelazione riguarda la sfera familiare della “strana coppia” con l’entrata in scena di Jenny (Lili Haydn), la giovane figlia dei due investigatori sui generis.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *