La storia attraverso i cambiamenti climatici: “QUESTIONE DI TEMPO” su Focus

Il clima ha giocato un ruolo primario in tutto il mondo e in tutte le epoche. Eventi violenti sono stati in grado di trasformare la storia dell’uomo, o influenzarla radicalmente. Nella nuova serie di FOCUS (canale 56, gruppo Discovery Italia) “QUESTIONE DI TEMPO” (“Weather that changed the world”, Pioneer Film and Tv Productions per The Weather Channel, Usa 2013, 9×630’), vengono raccontate proprio le storie di questi momenti cruciali, in cui protagoniste sono state le condizioni climatiche. In prima tv dal 7 giugno ogni martedì alle ore 22.05.

Spesso è più facile pensare di essere padroni del proprio destino e che la vita di ognuno sia il frutto di scelte fatte coscientemente, di decisioni, di piani ben studiati. Ma la Storia insegna che vittorie in guerra, disastri tecnologici, sopravvivenza delle civiltà, spesso sono nate da qualcosa di ancora più incontrollabile e imprevedibile del destino: il clima. Così siccità, tempeste, glaciazioni, venti incessanti sono solo alcune delle frecce a disposizione della Natura, che hanno modificato diversi momenti chiave dell’umanità.

In “Questione di tempo” si analizzano 9 diversi eventi per scoprirne retroscena inediti e collegare la loro storia e il loro epilogo a cause e fattori di origine naturale. Si parte con il disastro del “gioiello” dell’aviazione commerciale, il dirigibile Hindenburg, completamente arso in meno di un minuto al termine della trasvolata oceanica del 1937, passando per la terribile cappa di smog tossico che nel 1948 soffocò per  giorni le popolazioni della Pennsylvania, il disastro dello shuttle Challenger del 1986, il naufragio del Titanic, la ritirata napoleonica nella Campagna di Russia del 1812, il collasso della civiltà Maya in centro America.

FOCUS è visibile al canale 56 del digitale terrestre, 418 di Sky e al 56 di Tivùsat. Il programma sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play).

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *