Teo Mammucari presenta “Lo scherzo perfetto” su Italia 1

Dopo i talent di canto, ballo, cucina, moda e trucco, arriva “Lo Scherzo Perfetto”, il primissimo talent show per “scherzatori”, in onda su Italia 1 da giovedì 9 marzo per 6 prime serate. Irriverente, coraggioso, astuto, geniale e a volte un po’ cattivo. È questo l’identikit della “mente pericolosa” che inventa uno scherzo ben riuscito, ma anche di colui che guida questa gara fuori dagli schemi: Teo Mammucari, il più dissacrante dei conduttori, veterano di scherzi telefonici e supercazzole.

 Le audizioni di questo laboratorio di pranks (dall’inglese, “practical jokes”), invece, sono affidate a chi di scherzi se ne intende, Marco Balestri. A lui, autore storico di “Scherzi a Parte”, il compito di selezionare gli aspiranti professionisti di tranelli. Tra le centinaia di persone passate al suo vaglio anche CJ, un bambino di 10 anni e Renzo, un ultrasessantenne siciliano.

 Ai 40 prescelti vengono affidati sceneggiature, troupe televisive e strumenti professionali per realizzare scherzi di ogni genere – dal surreale al comico, sino all’horror – sempre secondo la personalità e lo stile di ognuno.Oltre a Mammucari, ad aspettarli in studio una giuria d’eccezione composta da Gene Gnocchi e Alessia Macari.

 Gli “scherzatori” migliori – due per ogni puntata – arriveranno poi alla finalissima. Inoltre, anche il web esprimerà la propria preferenza. Dopo la messa in onda su Italia 1, infatti, ogni scherzo sarà caricato sul sitowww.loscherzoperfetto.mediaset.it e inevitabile sarà stilare la classifica dei più amati dalla rete.

 Chi sarà decretato lo “scherzatore” più bravo di sempre?

 

NUMERI E CURIOSITA’ DE #LSP

·         10.000 km percorsi – città più a Nord: Bolzano – città più a Sud: Catania

·         10 – 61 anni: età di coloro che si sono presentati alle audizioni

·         Centinaia: video ricevuti sulla piattaforma 16mm.it

·         + 1.000 ore di registrazione

·         30 Terabyte di materiale girato

·         15 vittime scappate

·         18 interventi delle Forze dell’ordine

·         2.600 metri: l’altezza da cui #LSP si è lanciato – Tecnica: GoPro®, droni, camere remotate, microcamere, reflex, microfoni nascosti, pulci.

·         Location: un circo, una baita, uno studio medico, metropolitana, funivia

·         Travestimenti: uomini vestiti da donne, donne vestiti da uomini, preti, animali, carabinieri, saltimbanchi, pattinatori.

·         Oggetti di scena: un vero coccodrillo, parapendio, maialino, bare, sex toys.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *