Fashion Style: il primo talent di moda made in Italy arriva su La5

Fashion Style: il primo talent di moda made in Italy arriva su La5 | Digitale terrestre: Dtti.it

Lunedì 11 novembre 2013, debutta in prima serata su La5,  “Fashion Style”, il primo talent tutto italiano dedicato alla moda e alla valorizzazione delle nuove leve della creazione. Il programma, condotto dall’attrice Chiara Francini, vanta 3 giurati d’eccezione: Alessia Marcuzzi e Silvia Toffanin, professioniste amatissime dal grande pubblico e appassionate di moda, e il giornalista e scrittore Cesare Cunaccia.

“Fashion Style” vedrà in gara 16 giovani, provenienti dalle più importanti scuole del settore e con un solo sogno nel cassetto: sfondare nel mondo della moda. I concorrenti, selezionati tra le oltre mille candidature arrivate in redazione, formeranno 4 team creativi, composti ognuno da uno stilista, una modella, un make-up artist e un hair stylist.

Le 8 puntate del programma si articoleranno in 2 fasi. Nelle prime 4 puntate verranno selezionati i concorrenti che andranno a formare i diversi team. Nelle successive 4 puntate si entrerà nel vivo della competizione a squadre. Attraverso varie prove legate alle singole professionalità in gara, i ragazzi si contenderanno la vittoria finale.

A stabilire il valore delle proposte e l’esito delle prove, saranno i 3 giurati che, in ogni puntata, saranno affiancati, a rotazione, da una personalità di spicco del mondo della moda. Nella prima puntata sarannoBarbara Franchin, talent scout di giovani stilisti, e l’hair stylist Mauro Situra.

I 4 team affronteranno molti ostacoli per raggiungere l’obiettivo finale: la preparazione di una vera e propria sfilata di una “capsule collection”. In palio per ognuno dei concorrenti della squadra vincente una concreta opportunità di crescita professionale nel loro campo.

Grazie ai premi offerti da Morellato, Naj Oleari, Tu Style e Go Coppola i concorrenti avranno la possibilità di entrare nel mondo della moda e del fashion dalla porta principale.

fashion-style

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *