In anteprima assoluta per l’Italia arriva dal 21 settembre su Cielo (il canale in chiaro del digitale terrestre al numero 26),MASTERCHEFITALIA, il primo talent show per appassionati di cucina. Il format culinario più famoso al mondo finalmente sbarca anche in Italia, patria indiscussa della buona cucina e dei più grandi chef.

MasterChef Italia andrà in onda su Cielo a partire dal 21 settembre ogni mercoledì a alle 21.00 e in daytime tutti i giorni,dal lunedì al venerdì, alle ore 13.00 (con replica alle ore 19.00).Se la sfida e l’adrenalina caratterizzano l’appuntamento del prime time, quello quotidiano sarà invece un vero e proprio magazine di cucina, con ricette della migliore tradizione italiana ed internazionale proposte da concorrenti e ospiti illustri che, attraverso le pietanze, racconteranno la propria storia personale.

MasterChef è molto più di un semplice show culinario, è un vero e proprio talent show televisivo dove aspiranti chef – selezionati con dei provini che si sono svolti in tutta Italia – si scontreranno in una gara all’ultimo piatto. Per vincere, i concorrenti dovranno dimostrare passione, bravura, creatività e tenacia. Il vincitore porterà a casa un importante premio in denaro e avrà l’opportunità di pubblicare un libro (edito da RCS Rizzoli) con le sue ricette originali, oltre ad essere incoronato primo MasterChef d’Italia.

Per giudicare la loro preparazione, MasterChef ha selezionato  una giura di altissimo livello composta da tre esperti di fama internazionale dell’arte culinaria: il fuoriclasse della cucina italiana Carlo Cracco (il suo ristorante milanese è tra i 50 migliori al mondo), il pluristellato chef Bruno Barbieri (lo chef italiano che ha il maggior numero di stelle Michelin insieme a Gualtiero Marchesi) e, direttamente dalla versione americana di MasterChef, Joe Bastianich, bandiera della gastronomia italiana negli Stati Uniti, con 20 ristoranti italiani da Los Angeles a New York.

Nel corso del programma i concorrenti saranno infatti sottoposti a diverse prove che permetteranno ai giudici di scegliere chi dovrà lasciare il programma e chi potrà invece proseguire la propria corsa verso il titolo di MasterChef.

 

LE PROVE

La sfida della Mistery Box: i concorrenti hanno a disposizione 50 minuti per preparare una ricetta utilizzando gli ingredienti a sorpresa contenuti nella Mistery box. Al termine del tempo a disposizione i concorrenti presentano il piatto ai giudici. La giuria assaggia i tre migliori piatti e determina il vincitore il quale avrà un vantaggio nella sfida successiva, quello del test della creatività.

Invention Test (Test della creatività): i concorrenti devono cucinare un piatto sulla base di un tema prestabilito (es. “sapori del sud Italia”). Il vincitore della Mistery Box ha il compito di scegliere un ingrediente tra 3 possibilità date (che sarà per tutti la base della ricetta) e avrà 5 minuti di tempo per sceglierne altri 10 per la sua ricetta. Tutti gli altri concorrenti invece avranno solo 2 minuti per la scelta degli ingredienti della loro ricetta. Allo scadere del tempo i giudici assaggiano tutti i piatti, il peggiore potrà essere eliminato, mentre il migliore potrà scegliere la sua squadra per la prova in esterna.

Pressure Test (Test sotto pressione): Si tratta del test a cui si sottopone la squadra che avrà perso la prova esterna e serve per determinare chi dovrà abbandonare MasterChef. Alcuni esempi di questo test sono:

  • Palate Test (Test del palato): i concorrenti dovranno assaggiare un piatto molto complesso preparato da uno dei giudici. Ognuno di loro a turno dovrà elencare tutti gli ingredienti di cui è composto il piatto. Ad esempio dovranno riconoscere gli ingredienti di una zuppa di pesce o capire il taglio della carne.
  • Skill Test (Test dell’abilità): i partecipanti hanno a disposizione 25 minuti per cucinare una delle due ricette selezionate dalla produzione.

Nel corso delle 12 puntate di prima serata avremo anche modo di vedere gli aspiranti chef impegnati in divertenti prove esterne: tra le molte, dovranno cucinare per una squadra di calcio, per una ciurma di militari in una portaerei, preparare una pizza perfetta per un intero paese, sfamare un gruppo di camionisti  e allo stesso tempo soddisfare i raffinati palati degli ospiti di una ambasciata.

 

IL SUCCESSO DI MASTERCHEF

MasterChef è un format originale inglese: nasce su BBC nel 1990, dove la prima versione è andata in onda fino al 2001. Dal 2005 torna in prime time nei palinsesti inglesi e in altri 18 paesi al mondo (con oltre 45 edizioni tra varianti e 700 episodi trasmessi) in una formula rinnovata e rivista ottenendo un grande successo di pubblico e critica.

In Gran Bretagna è il programma ‘culinario’ più seguito, in Australia è secondo solo ai programmi sportivi, e negli Stati Uniti è stato il talent show più visto nell’estate del 2008.

Un fenomeno che, in tutti i paesi dove è andato in onda, ha letteralmente bucato lo schermo televisivo con migliaia di “addicted” che seguono le ultime novità di MasterChef sul sito e su i più famosi social network come Twitter e Facebook. MasterChef è anche uno dei più riconosciuti brand a livello internazionale con un merchandising che estende la sua linea di prodotti dal settore food a quello dell’editoria.

Il tanto atteso MasterChef sbarcherà in Italia a partire dal 21 settembre dopo aver girato l’Italia per 3 mesi alla ricerca dei talenti culinari del Paese e aver messo ai fornelli quasi 6.000 aspiranti chef che si sono presentati alle audizioni.

Inoltre MasterChef anche in Italia avrà un suo sito dedicato –  www.masterchef.cielotv.it/ – aggiornato quotidianamente con tutte le informazioni sul programma, i concorrenti, i giurati e naturalmente le ricette e i consigli degli chef.

LA GIURIA DI MASTERCHEF ITALIA

CARLO CRACCO

Carlo Cracco è uno dei cuochi più famosi d’Italia. Nasce a  Vicenza nel 1965, inizia la sua esperienza formativa al fianco di Gualtiero Marchesi a Milano per passare alla Francia nei templi della gastronomia francese.

Nel 2000 torna a Milano e abbina il suo cognome a quello di una storica gastronomia meneghina dando vita al ristorante Cracco-Peck, due stelle Michelin, tre forchette del Gambero Rosso e che dal 2007 è completamente suo. Dal 2007 al 2010 “Cracco” è stato tra i 50 migliori Ristoranti al mondo.

La cucina di Cracco offre rivisitazioni delle specialità classiche milanesi e non solo, proponendo i piatti in una chiave innovativa, giocando sui contrasti di sapori; è una cucina tecnica, essenziale, meticolosa, delicata, originale; l’uovo marinato ne è diventato simbolo ed esempio. Cracco definisce la sua una cucina cerebrale e di cuore, in quanto la ricerca costante non viene mai disgiunta dalle emozioni gustative. “Lo chef vuole stupire la persona che assaggia un suo piatto. Ma non per avergli cucinato chissà che cosa, ma piuttosto per avergli fatto riscoprire un sapore familiare in una veste completamente nuova.”

BRUNO BARBIERI

Bruno Barbieri nasce a Medicina nel 1962 e grazie alla nonna Perpetua si avvicina alla cucina sin da piccolo.

E’ lo chef italiano che ha il maggior numero di stelle Michelin insieme a Gualtiero Marchesi: 1 stella Grotta di Brisighella, 2 stelle Trigabolo (Argenta), 2 stelle Locanda Solarola, 2 stelle Ristorante Arquade – Relais Chateaux Villa del Quar, in tutto 7.

Dopo essersi diplomato all’Istituto Alberghiero di Bologna, Bruno Barbieri parte come III cuoco su navi da crociera, conoscendo nuovi paesi e culture, dagli USA all’America Latina, e arricchendosi di importanti esperienze culinarie.

Al rientro in Italia arriva alla conduzione della “Locanda Solarola” di Castelguelfo che, grazie alla sua presenza, raggiunge l’ambito traguardo delle 2 stelle Michelin per due anni consecutivi.

Barbieri, inoltre, con Igles Corelli e Mauro Gualandi ha condiviso la grande esperienza presso il ristorante “Il Trigabolo” di Argenta alle porte di Ferrara. Presso questo ristorante si sono scritte nuove pagine della cultura gastronomica italiana, ponendo l’attenzione sulla freschezza e sulla qualità degli ingredienti, sulle rapide cotture e sull’armonia di colore e sapore. Bruno Barbieri ha ottenuto diversi riconoscimenti da parte di associazioni professionali e riviste specializzate. Partecipa a più stages in Francia. Vince concorsi gastronomici: “Le carni alternative” nel 1987 e “La patata della cucina creativa” nel 1991.

I piatti di Bruno Barbieri hanno colori e sapori nuovi, ricchi di erbe aromatiche, di abbinamenti sapienti, proponendo sempre ingredienti di primissima qualità che tengono conto del variare delle stagioni.

La mia cucina rispecchia il mio io, la mia vita il mio modo di pormi agli altri, ricordando che sono in Italia, quindi in una terra con radici gastronomiche profonde, a cui guardo con un occhio al presente e uno al futuro. Perché non posso fare come faceva mia nonna, che cucinava un ragù per 5 ore. Quindi cotture brevi. Grandi materie prime il meno manipolate possibile.”

Bruno Barbieri è un volto noto di Gambero Rosso Channel. Ha condotto la trasmissione “Under 30”.

MASTERCHEF è prodotto da Magnolia per Cielo
Produttore esecutivo: Alessandro Tedeschi
Autori del programma: Paola Costa, Nicola Lorenzi, Paola Papa
Regia: Umberto Spinazzola
Scenografia: Giuseppe Tabacco
[tube]lOZzpd5WAf0[/tube]

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.