Discovery World: da domani scopriamo come l’America percepiva il futuro negli anni Cinquanta in “Mistery cars”

Discovery World: da domani scopriamo come l'America percepiva il futuro negli anni Cinquanta in "Mistery cars" | Digitale terrestre: Dtti.it

Dal 31 gennaio, ogni giovedì alle ore 21:00, Discovery World presenta la serie “MYSTERY CARS” che ha la missione di scovare le concept cars, auto da sogno che rappresentano fotografie istantanee di come l’America negli anni Cinquanta percepiva il futuro.

Negli anni Cinquanta l’America riuscì a liberarsi dei problemi economici legati alla guerra. In questa epoca di innovazioni gli scienziati impararono a sfruttare l’energia nucleare e gli aerei a reazione infransero tutti i record di velocità. L’unione di innovazione scientifica e consumismo diede origine alla “concept car”.

Questa affascinante serie in dodici episodi dà uno sguardo a questi veicoli pionieristici. Queste auto da sogno, a differenza dei satelliti, dei razzi e degli aerei a reazione, erano accessibili ed esposte nei migliori saloni automobilistici. Ma cosa è successo poi? La maggior parte di queste automobili  sono state distrutte, altre sono semplicemente scomparse dalla circolazione eppure, sorprendentemente, alcune esistono ancora. La nuova serie  “MYSTERY CARS”  ha la missione di trovarle.

mistery-cars

NEI PRIMI EPISODI:

31 gennaio ore 21:00 Episodio 1

Scopriamo come i viaggi aerei abbiano ispirato il design della Buick Centurion del ’56 e come la Plymouth Explorer del ’54 abbia saputo combinare lo stile americano ed europeo.

31 gennaio ore 21:30 Episodio 2

Scopriamo come le nuove tecnologie aeree abbiano ispirato la GM XP-21 Firebird del ’53, la prima auto a turbina a gas, e lo sviluppo del prototipo Mercury D-528 Beldone del ’55.

7 febbraio ore 21:00 Episodio 3

Scopriamo come il prototipo X-100 della Ford ha portato alla creazione della Thunderbird del 1961 e come i viaggi nello spazio hanno ispirato la Chrysler Turbine del 1963.

7 febbraio ore 21:30 Episodio 4

Con la Cadillac Cyclone XP-74, il celebre designer Harley Earl ha catturato lo spirito degli anni ’50. A che cosa si ispira, invece, la Buick Phantom di Bill Mitchell del 1977?

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *