Studio Universal presenta: “Oscar Winners”

Studio Universal presenta: "Oscar Winners" | Digitale terrestre: Dtti.it

Una frase li ha consacrati nella storia del cinema: “And The Oscar® goes to…”. In occasione dell’attesissima notte degli Academy Awards (24 febbraio), Studio Universal (Mediaset Premium sul DTT)dedica una rassegna a 4 imperdibili pellicole che hanno sbancato il jackpot del Premio più ambito di Hollywood. Da “Balla coi lupi”, che si è aggiudicato ben 7 statuette (1991) ad “American Beauty”, vincitore di 5 Premi Oscar® nel 2000. Si passa poi a “Il Gladiatore” che si è guadagnato sempre 5 Academy Awards (2001) per finire con “Shakespeare in Love”, vincitore di 7 statuette nel 1999.

L’appuntamento è a partire da domenica 3 febbraio alle 21.15 e a seguire ogni domenica alla stessa ora.

Balla coi lupi 1

Titoli in ordine di trasmissione:

  • 3/2   Balla coi lupi (1990)
  • 10/2  American Beauty (1999)
  • 17/2  Il Gladiatore (2000)
  • 24/2  Shakespeare in Love (1998)

 

Oscar Winners! – La rassegna

Ad aprire la rassegna, “Balla coi lupi”, diretto ed interpretato da Kevin Costner e tratto dall’omonimo romanzo di Michael Blake, autore anche della sceneggiatura. La storia narra le vicende del tenente John Dunbar, divenuto suo malgrado un eroe di guerra, che riceve in premio l’autorizzazione a scegliere la sua prossima destinazione. Chiede così di essere mandato in un avamposto della frontiera indiana, in territorio Sioux, dove avrà inizio per lui un periodo che lo cambierà profondamente e lo farà rinascere come un uomo nuovo nella tribù di Uccello Scalciante e Vento nei Capelli. La pellicola si aggiudica 7 Premi Oscar®: Miglior film, regia, sceneggiatura non originale, fotografia, sonoro, montaggio e colonna sonora. Il ciclo prosegue con “American Beauty”, il film diretto da Sam Mendes, che vede come protagonista Kevin Spacey nei panni di un padre americano sconvolto dall’ossessione generatagli da una giovane amica della figlia (Mena Suvari). La pellicola, nominata ad 8 Premi Oscar®, se ne aggiudica 5: Miglior film, regia, attore protagonista, sceneggiatura originale e fotografia.

Si passa poi al film del 2000 diretto da Ridley Scott che ha consacrato Russell Crowe nell’Olimpo delle più grandi stelle di Hollywood: “Il Gladiatore”. Il protagonista è il fedele generale Massimo Decimo Meridio che viene tradito quando Commodo (Joaquin Phoenix), l’ambizioso figlio dell’imperatore, assassina il padre e s’impossessa del trono. Ridotto in schiavitù, Massimo ricompare nell’arena tra le file dei gladiatori per vendicare l’assassinio della sua famiglia e del suo imperatore. Apprezzato da pubblico e critica, il film viene nominato a ben 12 Premi Oscar® e se ne aggiudica 5: Miglior film, attore protagonista, costumi, effetti speciali e sonoro.

La rassegna si chiude con “Shakespeare in Love” di John Madden con Joseph Fiennes e Gwyneth Paltrow. La pellicola racconta l’amore dello scrittore William Shakespeare (1564-1616) per una nobildonna, Lady Viola (che si finge uomo per fare l’attore), durante la lavorazione di “Romeo e Giulietta”. Il film, candidato a 13 Academy Awards se ne aggiudica 7: Miglior film, sceneggiatura originale, attrice protagonista, attrice non protagonista, costumi, colonna sonora e scenografia.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *