Da mercoledì 28 settembre  alle ore 23.40 su Rai 2 andrà in onda per 8 puntate ”SBARRE”, la prima docurealityche entra realmente dentro una delle carceri più famose d’Italia: Rebibbia. “SBARRE” è una produzione Casanova Multimedia, prodotto da Luca Barbareschi, con la partecipazione straordinaria di Fabrizio Moro e la regia di Piergiorgio Camilli.

In ogni puntata la storia di un ragazzo borderline incrocerà il percorso e la vicenda umana di un carcerato: un confronto, drammatico ed emozionante, in cui i due binari del racconto si fondono alla ricerca di una riflessione positiva. Da qualche parte in Italia un giovane sta rischiando di finire male: problemi di droga, spaccio, violenza, furto. O semplicemente è cresciuto – suo malgrado –  in un quartiere  “a rischio”. E se incontrasse un suo ipotetico “futuro”? Una persona che non è riuscita ad evitare la “cattiva strada”?

Quella persona, quell’uomo, adesso è dietro le “Sbarre”.

Narratore d’eccezione è il cantautore Fabrizio Moro, già vincitore di numerosi premi con la canzone “Pensa” dedicato al ricordo di Falcone e Borsellino. L’obiettivo del programma è quello di interessare il pubblico a due realtà, quella del mondo giovanile e quella della situazione carceraria.

Due prospettive di racconto della nostra società spesso trascurate, viste questa volta come narrazione in soggettiva di due “protagonisti”. Il ritmo incalzante, le suggestioni visive a enfatizzare i momenti cruciali delle storie, la forte base emozionale dei racconti forniscono a SBARRE una narrazione forte, intensa con un finale che è anche speranza in un futuro migliore. Un racconto che è osservatorio privilegiato sul disagio giovanile e sulla realtà carceraria italiana. Il carcere viene visto in un modo nuovo, raccontato da chi lo sta vivendo da ormai tanto tempo e da chi non vorrebbe viverlo affatto.

Il racconto televisivo vede prima il ragazzo accompagnare il telespettatore nella sua vita e alle soglie del carcere. Una volta entrato, il testimone di questa staffetta “di vita” passa nelle mani del carcerato. Sarà lui a mostrare la sua vita: dove dorme, dove mangia, i suoi “amici”… ma anche le sue paure, le  recriminazioni, il suo passato.

Alla fine di ogni puntata, Fabrizio Moro raccoglierà le impressioni a caldo del ragazzo appena uscito dal carcere e dedicherà a lui e alla storia che ha ascoltato una canzone unpuggled che racchiude nel testo il senso dell’incontro appena avvenuto.

Il Programma vanta la collaborazione dell’Amministrazione Penitenziaria di Rebibbia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here