Contravvenendo al detto per cui non si torna sul luogo del delitto, soprattutto quando è stato un delitto perfetto, Fabio Fazio, anche quest’anno in veste di Direttore artistico e conduttore, arriva alla sua quarta conduzione del Festival. Per i Campioni al centro, come nella scorsa edizione, le ventotto canzoni in gara, selezionate dalla Direzione artistica, con la collaborazione del Direttore Musicale Mauro Pagani.

Per le Nuove Proposte invece saliranno sul palco dell’Ariston otto cantanti.

Nella scelta del cast e dei brani, come lo scorso anno, l’obiettivo è sempre quello di portare sullo storico palco una fotografia ampia e contemporanea della musica che ascoltano oggi gli italiani.
Con Fabio Fazio, nelle cinque serate del Festival, dal 18 al 22 febbraio 2014, in diretta su Rai1 e in Eurovisione, anche quest’anno ci sarà Luciana Littizzetto, co-conduttrice, compagna di avventure, comica, soubrette, mattatrice.

Ciascuna delle cinque serate del Festival sarà preceduta, in anteprima, da un filmato girato e montato dal ‘testimone’ Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif. Uno sguardo curioso, tagliente e insieme affettuoso sul nazional-popolare.

La scenografia di quest’anno, realizzata da Emanuela Trixie Zitkowsky, allude alla bellezza estetica del nostro Paese, al nostro straordinario patrimonio artistico e culturale e all’incuria che lo minaccia. È un sottile filo rosso che si snoderà lungo tutte e cinque le serate: quello della bellezza trascurata, della sua fragilità, dell’urgenza della sua salvaguardia. Rimetterla al centro della scena è dovere di tutti.

Il cast dei cantanti di questa 64esima edizione è stato scelto valutando il valore delle canzoni e la loro potenzialità rispetto al mercato. “Volevamo in gara – spiega la Direzione artistica in accordo con la Direzione di Rai1 – brani di alta qualità compositiva, che durino nel tempo, che possano essere trasmessi dalle radio, scaricabili.

Il Festival deve essere il punto di partenza di un progetto, non il punto di arrivo”. In gara generi molto diversi tra loro: si va dal pop melodico a quello più alternativo, dal rap al soul, dall’indie alla canzone d’autore. La scelta della Direzione artistica è stata quella di raccontare molte delle diverse strade della musica italiana di oggi, nella speranza che l’insieme, nella sua diversità, sia coerente. Come lo scorso anno, anche per la 64esima edizione, i 14 artisti Campioni presentano 28 canzoni nuove.

Ciascun Artista Campione si esibirà con due brani, uno dei quali rimarrà in competizione. L’idea della doppia canzone offre agli artisti la possibilità di esprimersi in una performance: un po’ come fosse il lato a e il lato b di un 45 giri. Sono canzoni una diversa dall’altra, che rappresentano due stili differenti, due colori diversi e nei quali gli artisti possono dare al pubblico un’idea più completa del proprio lavoro.

Le due canzoni in gara saranno giudicate dal pubblico a casa attraverso il televoto e dalla Giuria della Stampa. A rendere ancora più solenne il momento dell’annuncio dei brani che andranno in finale, l’arrivo di alcuni ospiti nelle vesti di Proclamatori. Si tratta di personaggi che non necessariamente appartengono al mondo dello spettacolo. Per quanto riguarda la gara delle otto Nuove Proposte, quattro si esibiranno nella seconda serata (mercoledì 19 febbraio) e quattro nella terza (giovedì 20 febbraio).

I quattro più votati – due per ogni serata – accederanno alla quarta serata (venerdì 21 febbraio), in cui verrà proclamato il vincitore. Anche quest’anno il meccanismo di voto prevede tre sistemi di votazione: Televoto, Giuria della Stampa e Giuria di Qualità, che entrerà in gioco solo nelle ultime due serate per stabilire, insieme al pubblico, la classifica definitiva. I componenti della Giuria di Qualità sono stati scelti non solo per la competenza musicale, ma anche per l’attenzione alle parole dei testi e alla qualità delle singole esibizioni. Per questo in Giuria ci saranno musicisti, scrittori, poeti, uomini di cinema e di spettacolo.

Il miglior testo riceverà il premio Bardotti istituito lo scorso anno e dedicato al celebre paroliere, mentre il miglior arrangiamento musicale sarà deciso dai musicisti e coristi dell’Orchestra. La serata del venerdì sera,‘Sanremo Club’, vuole creare un legame tra la canzone pop e quella d’autore. Sul palcoscenico dell’Ariston negli anni si sono alternati il Premio Tenco e il Festival di Sanremo, separati da un muro invisibile per la natura delle due manifestazioni. Da una parte il rigore del Premio Tenco, dall’altra il pop di Sanremo. Il Festival di quest’anno intende abbattere ogni steccato e unire la buona musica. Per questo nasce Sanremo Club.

Ciascuno dei 14 artisti in gara proporrà un omaggio alle più significative canzoni d’autore italiane. Il Festival di Sanremo è scritto da Fabio Fazio, Claudio Fasulo, Pietro Galeotti, Massimo Martelli, Francesco Piccolo, Stefano Senardi e Michele Serra, componenti anche della Direzione artistica. La regia è di Duccio Forzano e la scenografia, per la seconda volta nella storia del Festival dopo lo scorso anno, è affidata ancora a una donna: Emanuela Trixie Zitkowsky. Capo Progetto del Festival è Gabriella Schiavo. I costumi sono di Ester Marcovecchio. Direttore della fotografia è Marco Lucarelli.

sanremo-2014

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here