Steel presenta in prima tv dal 15 Gennaio “Revolution”

Steel presenta in prima tv dal 15 Gennaio "Revolution" | Digitale terrestre: Dtti.it

Action, thriller e fantascienza.  Arriva in Prima TV esclusiva per l’Italia solo su Steel (Mediaset Premium sul DTT) “Revolution”, l’attesa serie targata J.J. Abrams e creata da Eric Kripke (“Supernatural”).

L’appuntamento è a partire da martedì 15 gennaio alle 21:15 con un episodio singolo e, a seguire, ogni martedì alla stessa ora. In replica la domenica alle 22:05.

La serie è composta da 22 episodi.

Nel cast spiccano: Giancarlo Esposito (“Breaking Bad”, “C’era una volta”), Elizabeth Mitchell (Juliet in “Lost”) e Billy Burke, noto al grande pubblico per essere il papà di Bella (Kristen Stewart) nella saga di “Twilight”. Come protagonista, la giovane Tracy Spiridakos che veste i panni di Charlie, la ragazza cui è affidato il destino del mondo.

La puntata pilota sarà trasmessa in anteprima il 12 gennaio su Premium Play.

revolution

REVOLUTION

Chicago, giorni nostri. Ben Matheson (Tim Guinee) cerca di avvertire i suoi cari in tempo: le leggi della fisica stanno per essere sovvertite ed ogni forma di elettricità rischia di scomparire dalla Terra.

Quindici anni dopo, il mondo come lo conosciamo non esiste più:  il pianeta è costretto a vivere per sempre senza computer, macchine, telefoni, luce ed ogni strumento elettronica a causa di un misterioso black out…I governi sono crollati, la gente è stata costretta ad abbandonare le città e ad organizzarsi in piccole comunità rurali.

In America, un gruppo di uomini comandato dal generale Monroe (David Lyons), un ex marine, ha preso il potere creando la Repubblica di Monroe e la Milizia, una squadra di soldati che mantiene l’autorità usando la forza e costringendo i villaggi a pagare tributi.

Ma un mistero circonda una famiglia, i Matheson, che sono in possesso di uno speciale dispositivo che nasconde il segreto per scoprire ciò che è successo prima e forse il modo per invertire il processo e riavviare l’elettricità.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *