Il grande cinema per tutti. Canale 5 diventa ancor più a grande schermo offrendo ai suoi telespettatori una galleria di pellicole di richiamo in prima visione tv.

Il ciclo Nuova Commedia Italiana accende i riflettori sul rinnovato filone di successo di film “made in Italy” votati al divertimento, capaci oltremodo di coniugare risate e tic/difetti della società.

La paretenza è fissata su Canale 5 giovedì 7 marzo con la prima visione tv di “Benvenuti al Sud” (2010), in prima serata.

benvenuti-al-sud

“Benvenuti al Sud” è la trasposizione del francese “Giù al Nord”.
Claudio Bisio è il direttore di un ufficio postale di Velate, in Brianza, che si finge paralitico per poter ottenere il trasferimento a Milano; una volta scoperto l’inganno, viene trasferito per punizione in provincia di Salerno, a Castellabate. Giunto sul posto carico di pregiudizi in valigia, il nostro si ricrede anche grazie al postino interpretato da Siani, sorta di virgilio negli usi e costumi meridionali che non ti aspetti. Il film, 5° incasso di tutti i tempi in Italia e vincitore di un David di Donatello e un Nastro d’Argento, è diventato un caso (così come in Francia), mentre il Comune di Castellabate (nel Cilento) dopo il successo della pellicola è diventato meta turistica. Sergio Staino l’ha definito “il più grande film politico dopo ‘La corrazzata Potemkin”. Nel cast, oltre all’accoppiata Bisio-Siani, spiccano da comprimarie Angela Finocchiaro e Valentina Lodovini.

Tra gli altri titoli in programma nel giovedì cinematografico tricolore in prima tv:
– “Che bella giornata” (2011) con Checco Zalone, giovedì 14 marzo, risultato il 2° miglior incasso italiano di tutti i tempi ai botteghini;
– “La banda dei Babbi Natale” (2010) interpretato dal trio Aldo, Giovanni e Giacomo, al vertice degli incassi del 2010 in Italia (colonna sonora originale di Mina);
– la commedia dei sessi opposti “Femmine contro maschi” (2011) con Luciana Littizzetto, Claudio Bisio, Ficarra e Picone (4° film più visto del 2011 in Italia);
– “Immaturi” (2011): ansie e relazioni pericolose di un gruppo di quasi quarantenni interpretati da Raoul Bova, Ambra Angiolini, Ricky Memphis, Anita Caprioli, Giulia Michelini, Luca e Paolo (la pellicola è salita sul podio degli incassi italiani 2011);
– lo scontro generazionale al centro de “La bellezza del somaro” con Laura Morante e Sergio Castellitto (quest’ultimo altresì regista).

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.