Su DMAX dal 26 gennaio seguiamo una delle maggiori indagini della storia con “A caccia di nazisti”

Su DMAX dal 26 gennaio seguiamo una delle maggiori indagini della storia con "A caccia di nazisti" | Digitale terrestre: Dtti.it

Dal 26 gennaio, ogni sabato alle ore 21:15 su DMAX (Canale 52 digitale terrestre e Canale 28 di TivùSat), assistiamo a una delle maggiori indagini della storia nella nuova serie in otto episodi “A CACCIA DI NAZISTI”, che ricostruisce la ricerca di alcuni dei più spietati criminali di guerra nazisti.

In ogni episodio ripercorriamo la storia di agenti segreti e vendicatori che hanno dato la caccia ai personaggi più malvagi nella storia, riuscendo alla fine a consegnarli alla giustizia. Grazie ad interviste esclusive ed approfondite ai reduci di queste imprese, la serie documenta la determinazione di persone coraggiose che hanno rischiato incessantemente la propria pelle per scovare assassini sadici, responsabili dell’uccisione di oltre sei milioni di Ebrei.

Da Beate Klarsfeld, la casalinga tedesca, madre di famiglia, che si è messa sulle tracce del colonnello Gestapo Klaus Barbie, il “macellaio di Lione”, tra Perù e Bolivia, all’audace operazione Mossad per catturareAdolf Eichmann a Buenos Aires. Dalla cattura di Erich Priebke a Bariloche in Argentina, alla misteriosa morte di Josef Mengele, fino all’esecuzione di Herbert Cukurs, detto il boia di Riga, riviviamo queste storie incredibili da una prospettiva unica.

a-caccia-di-nazisti

NEI PRIMI EPISODI:

27 gennaio ore 21:15, Episodio 1: 1960, Buenos Aires. Il criminale Adolf Eichmann vive in incognito nella periferia della città. Riusciranno i servizi segreti israeliani a consegnarlo alla giustizia?

27 gennaio ore 22:05, Episodio 2: L’agente Anton Kuenzle viene incaricato di uccidere Herberts Cukurs, meglio conosciuto come “il macellaio di Riga”. Porterà a termine la missione o verrà smascherato?

Ti potrebbe interessare:

One thought on “Su DMAX dal 26 gennaio seguiamo una delle maggiori indagini della storia con “A caccia di nazisti”

  1. Vorrei tanto sapere per quale motivo la programmazione di questo interessantissimo documentario è stata interrotta senza alcun preavviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *