Sarà in onda ad aprile su National Geographic, THE STORY OF GOD la nuova serie prodotta e presentata da Morgan Freeman, che affronta l’affascinante storia della devozione religiosa.

Morgan Freeman ci accompagnerà in un viaggio epico e una riflessione intima su Dio, vivendo in prima persona i rituali religiosi di tutto il mondo, e sottoponendosi ad esperimenti scientifici per scoprire come le frontiere delle neuroscienze e della cosmologia si intersechino con la religione tradizionale. THE STORY OF GOD sarà in onda sui canali National Geographic in prima visione mondiale in 171 paesi e in 45 lingue diverse. In Italia andrà in onda su National Geographic Channel (canale 403 di Sky) dal 7 aprile ogni giovedì alle 20:55.

Ogni episodio della serie sarà dedicato a grandi temi, dal mistero della creazione al potere dei miracoli, fino alla promessa di risurrezione. Misteri senza tempo e universali che coinvolgono credenti di ogni fede. Freeman visiterà alcuni dei più grandi siti religiosi dell’umanità, come il Muro del Pianto di Gerusalemme, l’albero della Bodhi in India, il Vaticano, i templi Maya e la megachiesa di Lakewood in Texas. Insieme ad affermati archeologi viaggerà alla scoperta dei luoghi simbolo delle religioni dei nostri antenati, come le millenarie rovine di Göbekli Tepe in Turchia a o il sito neolitico di Stonehenge.

The story of God affronta uno dei più grandi misteri dell’umanità“, ha dichiarato Freeman. “Per me si tratta di una ricerca personale nella comprensione del divino e sono onorato di avere la possibilità di accompagnare gli spettatori lungo questo incredibile viaggio.

La serie affronta anche in chiave scientifica le domande che da sempre hanno confuso, terrorizzato e ispirato l’umanità. Assisteremo alla simulazione in laboratorio della creazione dell’universo, e Freeman si sottoporrà in prima persona ad un test neuroscientifico per studiare l’effetto di Dio sui nostri neuroni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sei − cinque =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.