A “Sirene”, su Rai 3 Margherita Granbassi racconta l’orrore di Scampia

A "Sirene", su Rai 3 Margherita Granbassi racconta l'orrore di Scampia | Digitale terrestre: Dtti.it

Raitre prosegue nel suo racconto del paese reale là dove i fatti avvengono. Attraverso filmati di archivio inediti e servizi girati in esclusiva Sirene racconta la indagini, i pedinamenti, i blitz, i salvataggi e tutte  le azioni di Carabinieri e Polizia di Stato,  Guardia di Finanza, Guardia Costiera, Pompieri e 118.

Questo è il mondo che Margherita Granbassi, campionessa sportiva la cui passione per il fioretto è nata nel gruppo sportivo dell’Arma dei Carabinieri, racconta in SIRENE , il nuovo programma in onda dal 9 febbraio su Rai Tre alle 23:15.

Nella sesta e ultima puntata  prosegue il viaggio nel cuore di Gomorra, Scampia, con un blitz alle “Vele” da parte degli uomini della Polizia di Stato. Scopriremo l’orrore quotidiano delle stanze del buco dove gli eroinomani vanno a drogarsi, nei palazzoni della periferia di Napoli. Un abisso di autodistruzione che lascia senza fiato. Seguiremo poi l’Operazione Murena, attraverso la quale gli uomini del commissariato di Scampia riusciranno a chiudere un’intera piazza di spaccio, arrestando 33 persone, tra pusher, vedette e corrieri.

In un altro servizio: un profumatore per ambienti, venduto quasi sempre  via internet, in realtà una  nuova droga smerciata sul web: i Carabinieri dei Nas, i Nuclei Antisofisticazione e Sanità insieme agli uomini dell’Agenzia delle Dogane hanno condotto un’indagine complessa sulle Smart Drugs, ovvero le “droghe furbe”, stupefacenti sintetici di nuova generazione che attraverso la rete e non solo riescono ad eludere numerosi controlli.

Giovedì 15 marzo ore 23.15 Rai3

Ti potrebbe interessare:

One thought on “A “Sirene”, su Rai 3 Margherita Granbassi racconta l’orrore di Scampia

  1. ottimo lavoro Margherita e compagni ! speriamo in altre interessantissime puntate,una trasmissione così seria e coinvolgente non deve durare poco,per favore continuate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *