Su Giallo Kim Cattrall e Toby Jones nella nuova trasposizione da Agatha Christie “Testimone d’accusa”

Dopo l’acclamato Dieci Piccoli Indiani dello scorso anno, un nuovo adattamento da Agatha Christie illumina l’autunno di GIALLO (canale 38, gruppo Discovery Italia): è “TESTIMONE D’ACCUSA” (Agatha Christie Production e Mammoth Screen per BBC, in associazione con A+E Television Networks e Acorn Media Enterprises 2017, 3 eps x 60’, regia di Julian Jarrold), dall’omonimo racconto breve del 1925. Prima tv assoluta in un’unica serata evento lunedì 6 novembre alle ore 21:00.

Londra, 1923: un brutale omicidio tinge di rosso i tappeti di un’elegante residenza di Holland Park. La vittima è la ricca e fascinosa Emily French (Kim Cattrall) e tutto sembra contro il giovane amante Leonard Vole (Billy Howle), recentemente nominato dalla futura vittima suo erede universale, immediatamente arrestato. È la testimonianza della governante Janet (Monica Dolan) ad accusare Vole; mentre l’unica che potrebbe scagionarlo è la compagna Romaine (Andrea Riseborough), che a quanto pare era con Leonard al momento del fatto e potrebbe scongiurare la sua condanna a morte. La corsa contro il tempo è nelle mani dell’avvocato difensore John Mayhew (Toby Jones), cui spetta il compito di tentare un’estenuante ricerca della verità per salvare la vita dell’imputato.

Perfettamente realizzato e meravigliosamente scritto da Sarah Phelps” secondo il Guardian “è il più bel regalo per lo spettatore”, mentre Rotten Tomatoes gli attribuisce un bell’8,6 e Variety afferma che la Phelps possiede “un istinto raffinato per combinare la frustrazione e l‘ossessione dei personaggi della Christie” e che “nel ruolo del protagonista Toby Jones è semplicemente “terrific”.

La sceneggiatura di Sarah Phelps regala una visione del tutto particolare della Londra del primo dopoguerra, evidenziando magistralmente il contrasto tra due mondi opposti: i ricchi e i poveri, i sopravvissuti e le vittime, la luce e il buio. Ed è proprio il muoversi dei personaggi tra questi due mondi e la loro continua evoluzione a conferire alla storia profondità, andando oltre il racconto giudiziario e coinvolgendo inconsapevolmente lo spettatore in un gioco ben studiato, tra l’aula di tribunale, la cella di Leonard, le vie cupe e malfamate di Londra, fin dove si spinge l’avvocato per cercare le prove.

 

La Phelps, leggendo il racconto, ha sentito immediatamente l’incredibile forza del contesto storico della vicenda e di come questo possa condurre qualcuno a commettere un terribile omicidio. Storia dark, insicura, inquietante, non vedevo l’ora di immergermi in essa, senti le certezze vacillare sotto i piedi”.

Con qualche piccolo distacco narrativo dall’originale, Testimone D’Accusa ne conserva intatta la tensione continua verso un delicato equilibrio dove le certezze hanno vita breve e conducono sempre ad un finale inaspettato: con Agatha Christie, nulla è mai come sembra.

 

I PROTAGONISTI

KIM CATTRALL (Il Falò delle vanità, L’uomo nell’ombra, Sex and the City) Emily French è una donna affascinante ed annoiata. Molto sicura di sé, conduce una vita mondana e si svaga in feste private tra musica e champagne. Il suo passatempo preferito: gli uomini più giovani.

BILLY HOWLE (The Sense of an Ending, The Seagull) – Leonard Vole, reduce di guerra, è un uomo inquieto e disilluso, incapace di tenersi un lavoro e sempre alla ricerca di soldi facili.

MONICA DOLAN (Appropriate Adult, The Casual Vacancy) – Leale governante di Emily, Janet McIntyre le è devota in maniera quasi ossessiva. Il forte legame tra le due donne viene minato  dall’arrivo del nuovo pupillo, Leonard Vole.

TOBY JONES (Orlando, I Miserabili, Hunger Games, Capital – Pepys Road)John Mayhew è un avvocato appesantito dalla povertà e dal senso di colpa, che vive un’esistenza grigia e senza passioni. Il caso di Leonard rappresenta una svolta per la carriera dell’uomo e riaccende in lui il disperato bisogno di un riscatto, non solo professionale.

ANDREA RISEBOROUGH (Animali notturni, Birdman, Oblivion) – Romaine Heilge, superstite della prima guerra mondiale e di sangue austriaco, è una donna geniale e senza scrupoli, disposta a tutto pur di arrivare al successo e condurre una vita agiata.

HAYLEY CARMICHAEL (Call The Midwife, Our Zoo, Little Robots) – Distrutta dal ricordo del figlio perso in guerra, Alice Mayhew conduce un’esistenza grigia e fredda come i pasti che serve la sera al marito John. Gli unici momenti di grazia li trascorre nella stanza del figlio, lasciata intatta dal momento in cui è mancato.

DAVID HAIG (Quattro matrimoni e un funerale, Florence, My Boy Jack) – Sir Charles Carter è l’avvocato dell’accusa, sempre a caccia di casi criminali sensazionali. Considera il caso di Leonard una causa persa, finchè non si rende conto di  quanto diventerebbe ricco l’accusato, se fosse reputato innocente.  

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *