terra-rete4In Italia i disoccupati sono sei milioni. Un dato impressionante che probabilmente nasconde, dietro l’ufficialità delle cifre, una realtà ancora più drammatica, fatta di lavoro nero, sfruttamento e lotta senza esclusione di colpi per guadagnare qualcosa che definire salario sarebbe eccessivo.

Poveri in lotta tra loro è il filo rosso che cuce i servizi che “Terra!”, il settimanale firmato da Toni Capuozzo, in onda lunedì 15 aprile, in seconda serata, su Retequattro (e riproposto in prime-time, la sera seguente su Tgcom24).

Gli inviati di “Terra!” hanno attraversato il Paese per registrare le voci della protesta e della disperazione. Ma anche lo sfogo di chi vede nell’altro povero e senza lavoro (magari immigrato o rifugiato) una minaccia alla propria sopravvivenza. Storie raccontate senza cedere alla spettacolarizzazione e che tuttavia colpiscono per la sofferenza rappresentata e per gli esiti di una guerra tra poveri, che sfocia nell’intolleranza. C’è chi accusa i Rom, chi vorrebbe chiudere le frontiere alla immigrazione. Ci sono i sindacati che nel mantovano chiedono di limitare l’arrivo di extracomunitari, per non aggravare la condizione di chi (italiano o straniero) è alla ricerca di un posto di lavoro.

Storie, voci, testimonianze come quelle di Emergency e di Medici senza frontiere che, anche qui, in Italia hanno trovato occasioni di impegno sul versante umanitario. E infine la Sardegna. Non si può certo parlare, nell’isola, della “concorrenza” degli immigrati. La situazione però non cambia: la crisi aggrava le condizioni di vita dei più deboli ai quali sembra non essere offerta alcuna possibilità di riscatto.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.