Torna lo chef atomico di FoxLife “Ci pensa Mainardi”

Dopo il successo della prima stagione torna da oggi, 2 maggio 2016 alle 19.50, lo chef atomico di FoxLife con la seconda stagione di CI PENSA MAINARDI, una produzione originale targata Fox International Channels Italy realizzata da KimeraTv che sarà in onda dal lunedi al venerdi alle 19.50 in esclusiva su FoxLife (Sky, canale 114).

Anche per questa seconda stagione, lo chef più esuberate e simpatico della tv, resterà fedele al suo motto “conquistare la mente partendo dal palato”.

Nel corso delle puntate chef Mainardi andrà in aiuto di principianti e svogliati in cucina e, indirettamente, di chi deve condividere pranzi e cene con loro. Dopo un’accurata ispezione in cucina, lo chef guiderà il gli aspiranti cuochi nella realizzazione di un menù con il quale stupire e riscattarsi agli occhi di parenti e amici. In ogni episodio Andrea offrirà consigli di base per sopravvivere alla difficile arte della cucina, proponendo ogni volta due semplici ma gustose ricette che anche i più distratti, pigri e ansiosi ai fornelli saranno in grado di realizzare.

CI PENSA MAINARDI è una programma KIMERATV per Fox International Channels Italy.

www.foxlife.it

 www.foxlife.it/ci-pensa-mainardi

www.facebook.com/foxlifeitalia

#CiPensaMainardi – @foxlifeit

 

ANDREA MAINARDI – CHEF

Andrea Mainardi nasce a Bergamo il 21 luglio del 1983. Già da piccolo mostra grande passione per le pentole, tanto che ad 8 anni è intento a sfogliare un libro di Gualtiero Marchesi. Dopo essersi diplomato presso l’IPSSAR di San Pellegrino Terme, fa la sua gavetta presso diversi ristoranti tra i quali “Frosio” (Almè), “Grill” (Courmayeur), “La Siriola” (San Cassiano), “Casablanca” (Baia Sardinia). Approda poi nella brigata del Maestro Gualtiero Marchesi all’Albereta con lo chef Andrea Berton, dove si ferma per ben tre anni. Nel 2007 nasce a Brescia il ristorante Officina Cucina, un progetto unico ed ambizioso che esprime al massimo il suo carattere e la sua arte culinaria. La caratteristica del locale è quella di avere un solo tavolo – da 2 a 10 persone – non c’è il menù classico ma ogni piatto è lasciato alla creatività dello chef, che in 10 portate offre all’ospite un viaggio gastronomico fatto di tecniche culinarie innovative e sapori indimenticabili. Andrea ha una bambina di nome Michelle.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *