Torna “Mistero” su Italia 1, conduce Lucilla Agosti

Torna "Mistero" su Italia 1, conduce Lucilla Agosti | Digitale terrestre: Dtti.it

Da mercoledì 9 gennaio  2013, torna «Mistero», 10 puntate in prima serata su Italia1.

Nuovo volto di questa settima edizione sarà l’attrice e conduttrice Lucilla Agosti che entrerà nella squadra dei «mystery-busters» formata da: Jane AlexanderDaniele BossariMarco Berry,Andrea Pinketts e Nicole Pelizzari.

Sopravvissuti alla profezia Maya che datava la fine del Mondo 21 dicembre 2012, gli investigatori dell’ignoto tornano a occuparsi, tra leggende popolari ed esperimenti scientifici, di fenomeni al confine della realtà, eventi all’apparenza inspiegabili e antiche civiltà.

Dal Teatrino di Corte della villa Reale di Monza, ogni settimana «Mistero» proporrà reportage esclusivi e ospiterà in studio persone che hanno vissuto esperienze straordinarie.

Non mancheranno le rubriche dedicate agli avvistamenti alieni (curata da Pablo Ayo), alle segnalazioni di presenze soprannaturali (affidata a Daniele Gullà) e le inchieste su complotti internazionali e servizi segreti (realizzata da Adam Kadmon). Inoltre, Rachele Restivo si occuperà dei misteri di Hollywood.

Quest’anno i telespettatori potranno inviare i video da loro realizzati di avvistamenti alieni o presenze soprannaturali al sito Mediaset www.16mm.it. I filmati più curiosi e originali verranno mandati in onda nel corso del programma.

Una grande novità: nel 2013 Mistero raddoppia. Al programma si affiancherà una rivista ufficiale, a scadenza mensile, ricca di contenuti, rubriche e approfondimenti sul mondo dell’ignoto. Inoltre, per gli appassionati del mistero, è in previsione l’uscita di un DVD.

I telespettatori potranno trovare ulteriori informazioni sul sito www.misterotv.it.

Mistero è un programma di Claudio Cavalli, scritto da Cristina Meda e Ade Capone con Ilaria Tiberio, Alberto Pattaccini, Elena D’Arminio. La regia è di Arcadio Cavalli. Scenografia Sabrina Tempesta. Costumi Marisa Tadiotto.

mistero

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *