Rimbocchiamoci le maniche: da Settembre su Canale 5 con Sabrina Ferilli

Qualcuno dice che una vita piena è un esercizio di coraggio e di temperanza. Ne sa qualcosa Angela Tusco, un’operaia di provincia come tante, con un matrimonio che si sta sgretolando e con un futuro...

Qualcuno dice che una vita piena è un esercizio di coraggio e di temperanza. Ne sa qualcosa Angela Tusco, un’operaia di provincia come tante, con un matrimonio che si sta sgretolando e con un futuro lavorativo incerto. A darle il volto è Sabrina Ferilli, protagonista di “Rimbocchiamoci le maniche”, la nuova serie di Canale 5 realizzata da Endemol Shine Italy, in onda da settembre, per 8 prime serate, e diretta da Stefano Reali.

Angela è capo cucitrice in una fabbrica tessile dove lavora fin da quando era ragazza, insieme alle sue colleghe operaie. Improvvisamente la fabbrica viene messa in liquidazione e i terreni su cui sorge saranno venduti. Lo prevede il piano regolatore e solo il nuovo sindaco potrebbe modificarlo. Le elezioni ci saranno a breve, e il candidato favorito è un uomo che non lascia presagire nulla di buono. E così basta una provocazione bonaria del sindaco uscentePiero Pacetti (Andrea Giordana),il coro unanime delle operaie, e Angela si ritrova a essere candidatacome primo cittadino del suo paese, un piccolo centro nel Lazio, Offidella.
“Che speranza puoi avere tu? Sei una donna semplice, sei un’operaia, sei la mamma di tre figli!”.È la voce di Fabio (Sergio Assisi), il suo ex marito, che l’ha tradita con una collega operaia, Gina (Michela Andreozzi),ma è pentito e la ama ancora perdutamente.

“Rimbocchiamoci le maniche”, però, è la storia di una donna che non accetta la resa. Se prima è stata la sua unione con Fabio a guidare ogni suo passo, adesso per Angela la posta in gioco è più alta. C’è il futuro delle operaie, c’è il bene comune del paese e c’è anche la necessità di un esempio di dignità da dare ai suoi trefigli, con le loro età diverse e tutte difficili:Caty (Benedetta Gargari) appena diciottenne, Ercole (Samuel Garofalo) nel pieno dell’adolescenza e il piccolo Ferdinando (Ilario Bellazzini) di otto anni. E poi c’è la gente che si fida di Angela e che, inaspettatamente, la porta in vantaggio alle urne.
Contro ogni pronostico, infatti,Angela vieneeletta, battendo il suo diretto sfidante, il vice sindaco Mario Delfino (Alberto Molinari). Ora è una donna sola al comando. Dovrà destreggiarsi tra quegli uomini rosi dall’avidità e dal pregiudizio che faranno di tutto per dimostrare che una donna, perlopiù semplice, non può sognare di avere un ruolo di responsabilità senza rinunciare a fare la madre. Ma Angela ha dalla sua il sostegno delle colleghe operaie, dei cittadini che l’hanno votata e, soprattutto, della sua squadra. Fra loro c’è Paolo (David Coco), professore di matematica da poco tornato nella cittadina dopo il fallimento del suo matrimonio che, in passato, aveva avuto una storia con Angela e che sembra non aver mai dimenticato. Tra i fedelissimi di Angela ci sono anche Maurizio (Maurizio Mattioli), che lavora in Comune da sempre, Dario (David Paryla), un giovane esperto di informatica, Daniela (Monica Dugo), una restauratrice che diventerà assessore alla cultura, e Luisa (Gabriella Silvestri) collega di Angela in fabbrica e sua amica da sempre. Persino il nuovo Capitano dei Carabinieri (Marco Falaguasta), dopo un primo incontro burrascoso durante una manifestazione, diventa un suo sostenitore, affascinato non solo dalla sua caparbietà, ma anche, e forse soprattutto, dalla sua bellezza. Angela si trova così“contesa” fra tre uomini. L’e