Il futuro della terra: Gisele Bündchen e David Letterman contro il riscaldamento globale su National Geographic

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, National Geographic dedica un intero mese alla tutela dell’ambiente e della biodiversità con una programmazione speciale dedicata al tema. Si comincia con IL FUTURO DELLA TERRA in onda su National Geographic dall’8 aprile il sabato alle 21.55. Da Gisele Bündchen a David Letterman, da America Ferrera a Joshua Jackson fino ad Arnold Schwarzenegger. Volti noti dello spettacolo, del cinema e del giornalismo internazionale scendono in campo per mostrare gli effetti dei cambiamenti climatici: deforestazione, uragani, siccità ma anche l’estinzione di molte specie animali. II futuro della terra ci propone un quadro schietto di come l’uomo stia modificando irrimediabilmente l’ecosistema della Terra ma al contempo si fa portatore di un messaggio di speranza, mostrandoci come sia ancora possibile intervenire e restituire un mondo diverso alle prossime generazioni.

La prima stagione di Il futuro della terra ha vinto un Emmy Award nel 2014 come miglior serie non fiction.

L’acqua è la risorsa più preziosa. Ancora oggi due miliardi di persone hanno difficoltà ad accedere all’acqua potabile. National Geographic dedica al tema due appuntamenti conORO BLU: IL POTERE DELL’ACQUA in onda sabato 22 aprile alle 22.50 e ACQUA: LA SETE DEL PIANETA in onda sabato 29 aprile alle 22.50.

 

Episodio 1

SULLA VIA DELL’ESTINZIONE

Con Aasif Mandvi e Nikki Reed

Le specie animali stanno scomparendo ad una velocità allarmante e il cambiamento climatico sembra aggravare questo trend. Aasif Mandvi, corrispondente del “Daily Show” evidenzia come l’estinzione di una singola specie possa avere effetti negativi sull’intero ecosistema. E’ solo questione di tempo prima che il cambiamento climatico si ripercuota sugli esseri umani. L’attrice e attivista Nikki Reedci mostra come una tassazione sulle emissioni di carbonio potrebbe rivelarsi un prezioso aiuto per contrastare il cambiamento climatico.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *