Marracash conduce Spit – il nuovo show di MTV dedicato al mondo delle rap battle

“Spit è per me un programma importantissimo, anzitutto perché si basa sulla tecnica del freestyle che ha un appeal fortissimo, anche per chi non segue il genere hip-hop. A vedersi, il freestyle è qualcosa di...

“Spit è per me un programma importantissimo, anzitutto perché si basa sulla tecnica del freestyle che ha un appeal fortissimo, anche per chi non segue il genere hip-hop. A vedersi, il freestyle è qualcosa di magico e circense: è incredibile vedere come alcuni ragazzi siano talmente bravi da riuscire a fare rime che ti lasciano a bocca aperta, improvvisandole al momento. Ma ‘Spit’ sarà anche una delle più grandi occasioni per l’hip-hop. Sarà l’occasione di dimostrare che non esistono solo i talent show canonici, fatti di lacrime; in ‘Spit’ non ci sarà gente che piange, ma ragazzi che sudano e che competono nel senso più bello del termine”.

Così Marracash parla di “Spit”, la serie che – dopo l’anticipazione di dicembre con il Gala – andrà in onda da venerdì 9 marzo alle ore 21.10 su MTV (canale 8 del Dtt) per nove settimane, con il “king del rap” a fare da master of ceremony. Uno show che porterà sugli schermi televisivi il mondo dell’hip-hop e il suo linguaggio, quello del freestyle e delle rap battles, per raccontare la realtà dei giovani attraverso le loro stesse voci.

In “Spit” saranno protagonisti dodici rapper emergenti, che si sfideranno nel corso delle nove puntate settimanali dello show, fino ad arrivare a un unico vincitore che conquisterà il titolo assoluto. Verranno dunque premiati la forza comunicativa, la tecnica, il talento dell’improvvisazione nel raccontare la più stretta attualità, con l’autenticità che caratterizza un linguaggio come quello dei rapper. A giudicare le performance ci sarà un parterre di giornalisti specializzati, addetti ai lavori e ospiti musicali di generi diversi rispetto al rap. Anche il pubblico nell’arena avrà un ruolo fondamentale perché – in caso di parità fra i rapper in gara – sarà chiamato a esprimere il proprio gradimento, applaudendo per gli artisti preferiti. I rapper scopriranno sul ring le tematiche da affron