VH1, il canale musicale di Viacom International Media Networks Italia visibile sul canale 67 del digitale terrestre, riserva un appuntamento molto speciale per i music lovers nella serata di domenica 15 aprile, quando andrà in onda la #VH1PinkFloydNight.

La programmazione sarà interamente dedicata ai Pink Floyd, il gruppo rock britannico pioniere della psichedelia che ha caratterizzato la controcultura degli anni sessanta e che ha ridefinito le tendenze musicali da allora in avanti. Il canale 67 dedica in particolare un focus proprio al bassista e cantante dei Pink FloydRoger Waters, con un’intervista esclusiva realizzata in vista del suo prossimo tour e degli appuntamenti che lo vedranno protagonista in Italia.

Aprirà la serata, a partire dalle ore 21.10, il film musicale The Wall diretto nel 1982 da Alan Parker con Bob GeldofChristine HargreavesJames LaurensonEleanor David e Bob Hoskins. Il titolo riprende quello di uno degli album più famosi della band, pubblicato nel 1979. La pellicola non segue una vera e propria trama, ma è interamente guidata dai brani della band e da momenti ispirati ai loro testi. Il protagonista è Pink (Bob Geldof), un famoso cantante rock tossicodipendente, idolatrato dai suoi fans ma afflitto da una profonda sofferenza interiore. Una sera, prima di un’importante esibizione, si chiude nella stanza di un albergo di Los Angeles e riflette profondamente sulla sua tragica vita privata mentre osserva immagini di guerra in TV. Dopo aver distrutto completamente la stanza, la rockstar completa definitivamente il suo “muro immaginario”, perdendosi nel delirio della sua follia.

A seguire andrà in onda l’intervista esclusiva “VH1 Speciale Roger Waters realizzata da Luca De Gennaro, VP Talent and Music di Viacom.  Durante l’intervista, nonostante la fama di artista ombroso e schivo, Roger Waters si mostra entusiasta del nuovo album Is This the Life We Really Want? e delle tappe italiane del tour che lo vedranno impegnato a Milano, Bologna, Lucca e Roma. Roger commenta in particolare il coinvolgimento dei fan durante le sue performance, che secondo l’artista è dovuto alle tematiche trattate nelle canzoni, come l’amore, in cui ognuno può riconoscersi. Sottolinea poi l’importanza della creazione di una scenografia spettacolare, elemento che ha sempre contraddistinto i concerti dei Pink Floyd. Roger sorride al ricordo di alcuni aneddoti, tra cui il concerto di Coachella del 2008 quando ha deciso di utilizzare un aereo per lanciare una pioggia di coriandoli sul pubblico con la scritta “Vota Obama”, operazione che per colpa del vento non è andata esattamente secondo i piani. Con Luca de Gennaro sottolinea in particolare che la mostra sui Pink Floyd presso il MACRO di Roma non evoca un’atmosfera nostalgica, ma al passo con i tempi che regala agli spettatori un’atmosfera totalmente immersiva.

Infine Roger Waters, da sempre attento alle tematiche sociali e alla loro divulgazione per mezzo della musica, conclude con una riflessione sull’odierno quadro sociale, preoccupato dall’aggressiva politica statunitense e dal crescente potere acquisito dai colossi della rete apostrofando con parole particolarmente pungenti i leader del web.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 − 3 =