Moto GP, Gran Premio del Qatar 2016: orari diretta tv

Finalmente in pista. La primavera sveglia i motori: mentre a Melbourne scatta il GP d’Australia in F1, sotto le luci artificiali del circuito di Losail si accende il primo Gran Premio della nuova attesissima stagione...

Finalmente in pista. La primavera sveglia i motori: mentre a Melbourne scatta il GP d’Australia in F1, sotto le luci artificiali del circuito di Losail si accende il primo Gran Premio della nuova attesissima stagione della MotoGP: da domani, mercoledì 16 marzo, scatta il GP del Qatar, in diretta esclusiva su Sky Sport MotoGP HD (canale 208).

I test Invernali lanciano la Yamaha davanti a tutti, Viñales è il talento del futuro, la Ducati ha il passo per vincere e la Honda apparentemente soffre. Con l’elettronica ridotta e le gomme che impongono un cambio di guida radicale, l’uomo conta di più. Sky Sport MotoGP spiega come e perché:

–         Rossi-Lorenzo, la tempesta dentro – Il confronto tra compagni di squadra è, da sempre, quello più significativo perché “non ci sono scuse”. È il 7° anno che Rossi e Lorenzo si fronteggiano con la stessa moto: per tre volte (2008, 2009, 2014) Rossi è arrivato davanti a fine campionato, nelle altre tre (2010, 2013 e 2015) ci è riuscito Lorenzo. Il 2016 può essere l’anno dello spareggio finale.

–         La Honda va? – Test invernali in chiaro-scuro, motore brusco ed elettronica ancora da interpretare, telai vecchi meglio di quelli nuovi. La pre-season ha detto che Marquez fa ancora la differenza rispetto a Pedrosa. Il pilota di Cervera dovrà anche riaffrontare il discorso Rossi: cosa succederà in pista?

–         Ducati: anno fondamentale – C’è anche la Ducati, con i due piloti ufficiali Iannone e Dovizioso e i team satellite che (con Petrucci, Barberà e Redding) hanno fatto bene ai test. L’anno scorso la Ducati ha conquistato 9 podi, tra cui 5 secondi posti. Il successo sfuggito l’anno scorso è uno degli obiettivi 2016. Con il fantasma di Stoner sempre presente.

–         E la Suzuki è lì – A Yamaha e Honda e ai due Ducatisti ufficiali, si potrebbe aggiungere Maverick Viñales, il talento emergente della MotoGP. Ventuno anni e un titolo iridato nel 2013 in Moto3, dopo un solo anno di apprendistato in MotoGP è pronto per la definitiva consacrazione.

–         La Giovane Italia – Il lavoro della VR46 Riders Academy e dello Sky Racing Team VR46 comincia a produrre i suoi frutti: Fenati, Bastianini e Antonelli, con il nuovo ingresso di Bulega, rappresentano uno schieramento che poche Nazioni hanno in Moto3, mentre Lorenzo Baldassarri può essere protagonista in Moto2. Tutti pronti per la definitiva consacrazione

 

IL RACCONTO DI SKY – Parole d’ordine umanità e passione e divertimento. La squadra di Sky Sport MotoGP HD è pronta: Guido Meda al microfono della MotoGP insieme alla novità in top class Mauro Sanchini; ZoranFilicic al commento della Moto2 con Roberto Locatelli (e della Moto3 con Sanchini); Irene Saderini in conduzione dal Paddock con gli interventi e le analisi di Loris Capirossi; gli inviati ai box Sandro Donato Grosso e MarcoSelvetti per tutte le interviste e i retroscena; Antonio Boselli per i collegamenti live su Sky Sport24 HD.

Torna il “Ghost” nella sua versione ultra moderna, con le telecamere Sky alle curve 10/11 e 13/14 del circuito di Losail per analizzare e confrontare traiettorie e dinamiche insieme a Sanchini nel “Paddock Live”.

Fa il suo esordio la nuova rubrica di Paolo Beltramo, “Io mi ricordo”. Storie e aneddoti raccontati da chi li ha vissuti in prima persona in 30 anni di MotoGP. Prima puntata dedicata al Qatar e al campione del mondo Manuel Poggiali.

E con il mosaico interattivo in HD, 5 canali dedicati per personalizzare la visione e salire in moto con i piloti.