Rai: CDA approva bilancio 2012, con perdite per 244,6 milioni

Alla Rai il premio per l'innovazione di Confindustria | Digitale terrestre: Dtti.it

Rai logoDa un bilancio 2011 positivo, anche se solo per 4 milioni di euro, a un bilancio 2012 negativo con un rosso per 244,6 milioni di euro. Sono i conti Rai approvati oggi dal Cda di viale Mazzini riunitosi sotto al presidenza di anna Maria Tarantola. A favore hanno votato in sei (la stessa Tarantola e i consiglieri Marco Pinto, Guglielmo Rositani, Antonio Pilati, Rodolfo De Laurentiis e Luisa Todini) mentre si sono astenuti Benedetta Tobagi e Gherardo Colombo.

A generare il rosso nei conti Rai sono stati piu’ fattori, tra cui il calo della pubblicita’. Dai dati emerge che i risultati consolidati del Gruppo nel 2012, “pur in presenza dei positivi effetti – dice la nota riassuntiva di viale Mazzini – indotti da azioni intraprese sul fronte della riduzione delle principali voci di costo aziendali, hanno inevitabilmente risentito del contesto economico in netto deterioramento rispetto all’anno precedente”. I ricavi del Gruppo ammontano a 2.786,5 milioni di euro, riflettendo una riduzione di 211,8 milioni di euro, “interamente attribuibile – specifica la nota finale – a una caduta dei ricavi pubblicitari”. Sul versante dei costi operativi, aumentano quelli esterni: sono a quota un miliardo e 284,8 milioni di euro, in crescita di 34 milioni di euro rispetto al 2011.

Se pero’ si prova a ‘neutralizzare’ l’onere dei grandi eventi sportivi che caratterizzano gli anni pari (nel 2012 ci sono stati gli Europei di calcio in Polonia e Ucraina e le Olimpiadi estive di Londra), ecco che i costi risultano “in realta’ ridotti per 109 milioni di euro, principalmente per effetto di azioni volte al contenimento dei costi”. Quanto al costo del lavoro, e’ pari a 1 miliardo e 15,3 milioni, un dato indicato come “sostanzialmente in linea rispetto all’anno precedente”. Sul risultato incidono anche oneri straordinari per 50,9 milioni di euro principalmente connessi agli accantonamenti per incentivazioni all’esodo mirate alla riduzione dei costi di struttura attraverso un piano di pensionamenti anticipati di dipendenti, appartenenti a tutte le categorie professionali.

La posizione finanziaria netta del Gruppo Rai al 31 dicembre 2012 risulta negativa per 366,2 milioni di euro, con un peggioramento di 93,8 milioni di Euro. Il patrimonio netto consolidato al 31 dicembre 2012 ammonta a 290,9 milioni di euro.



Fonte : AGI

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *