gdfDenunciati dalla Guardia di finanza alla Procura della Repubblica di Ragusa i responsabili di 8 emittenti televisive locali che pur non avendo i requisiti per partecipare al bando del ministero dello Sviluppo economico per le frequenze del digitale terrestre sono riuscite a piazzarsi nekka graduatoria in posizione utile per l’assegnazione.

Le emittenti, consorziatesi tra loro mediante sottoscrizione di un patto d’intesa, secondo l’accusa hanno presentato dichiarazioni e attestazioni non veritiere per indure in errore il ministero e l’attribuzione di un punteggio utile a ottenere le frequenze televisive del digitale terrestre per la Sicilia, rilasciate il 12 giugno del 2012.

Si ipotizzano i reati di truffa aggravata ai danni del ministero dello Sviluppo economico e di falsita’ ideologica commessa da privati in atto pubblico. Gli atti sono stati inviati al Dipartimento per le Comunicazioni del ministero, per il rifacimento della graduatoria. In corso ulteriori accertamenti e verifiche sui contributi della legge 488 erogati alle stesse emittenti televisive oggetto dell’indagine.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.