Si avvicina la riattivazione dei ripetitori a Ferrara

IL PROGETTO è targato Tower Tel, la conclusione dell’opera sarà di fatto sotto le insegne di Mediaset. E per i ferraresi, ancora alle prese con il rebus del digitale terrestre, le difficoltà potrebbero finalmente terminare. Entro...

IL PROGETTO è targato Tower Tel, la conclusione dell’opera sarà di fatto sotto le insegne di Mediaset. E per i ferraresi, ancora alle prese con il rebus del digitale terrestre, le difficoltà potrebbero finalmente terminare. Entro metà agosto sarà infatti ultimata la costruzione del maxi traliccio in via Aranova, nella zona di Fondo Reno che già ospita due ripetitori (il primo per le emittenti radiofoniche, il secondo per una serie di tv). Visibile anche dalla città, in particolare dalla zona del Palazzo degli Specchi, il monumentale impianto già svetta sopra le altre due torrette ma è destinato a crescere ancora, sino a quasi 140 metri. Poi scatterà la fase dei collaudi statici e dei collegamenti tecnici, da ottobre la torre di Tower Tel potrà accogliere i ripetitori delle emittenti.

Ufficiosamente, si trasferiranno in questa postazione — che diventerà senz’altro la più tecnologicamente avanzata del nostro territorio — tutte le emittenti radiofoniche che ancora si trovano sul grattacielo. Dalle torri di viale Costituzioni dovrebbero essere definitivamente sfrattate (la proroga del Ministero scade a fine anno ed il Comune al proposito è tassativo) anche le reti televisive che ancora tengono accesi i propri ripetitori. Da La 7 (ormai certa di passare al maxi traliccio