Parte su Rai 3 il nuovo ciclo di “Lucarelliracconta”

Chi mette la mano davanti alla locomotiva in corsa? Come ha scritto Giorgio Scerbanenco, porre la mano davanti alla locomotiva a volte significa fermarla. Proprio da questa citazione del padre del noir italiano prende l’avvio...

Chi mette la mano davanti alla locomotiva in corsa? Come ha scritto Giorgio Scerbanenco, porre la mano davanti alla locomotiva a volte significa fermarla. Proprio da questa citazione del padre del noir italiano prende l’avvio il tema della nuova serie di sei puntate d “Lucarelliracconta“, in onda su Rai3 da lunedì 7 maggio alle 21.05. Al centro della narrazione, infatti, ci saranno le storie di quelle persone che nello svolgimento del proprio lavoro, all’interno delle istituzioni dello Stato e nella società civile, hanno messo la mano davanti a un treno in corsa, pagando con la vita il proprio atto di coraggio, il proprio rigore etico e professionale.
Persone che pur minacciate sono rimaste al loro posto, non hanno disertato, hanno continuato a lavorare in difesa della legalità fino ad arrivare ad un punto di non ritorno. Sono le storie di servitori dello Stato e di semplici cittadini, impegnati nella vita e nella professione con passione; esempi di coscienza civile che la memoria collettiva del nostro Paese ha la necessità e il dovere di ricordare e di difendere.
Da un poliziotto scomodo a un amministratore politico onesto, da un giornalista curioso a un medico che fa semplicemente il suo dovere di cittadino: figure di questo genere, esemplari ma allo stesso tempo comuni, in cui è possibile riconoscersi, danno la possibilità di immaginare una realtà migliore in cui le regole e la legalità vengono rispettate.
Alle singole storie fanno da sfondo i problemi irrisolti del nostro Paese: le organizzazioni mafiose, le zone grigie di connessione tra politica e criminalità, l’assenza dello Stato, il terrorismo, l’emarginazione culturale e sociale, la pericolosità dei meccanismi economici e finanziari.

Le Puntate

Nicola Calipari, in quel